Politica

Pratica in Comune e difesa per cause minori: una proposta per avvocati under 40

Proposta del gruppo consiliare di Lecce Città Pubblica a beneficio dei giovani legali con reddito annuo inferiore ai 15mila euro

Il consigliere Pierpaolo Patti.

LECCE – L’idea di Lecce Città Pubblica è ora nelle mani del sindaco, Carlo Salvemini e sarà discussa nella prossima assise cittadina, presumibilmente a fine mese.

La proposta, di cui è primo firmatario Pierpaolo Patti, consiste nella sottoscrizione di una convenzione grazie alla quale gli avvocati under 40 con reddito inferiore ai 15mila euro annui potranno rappresentare il Comune nelle vertenze di minore entità: una cosa che, nei fatti, è più unica che rara perché i giovani professionisti sono sistematicamente esclusi dagli incarichi degli enti pubblici relativi ai tanti contenziosi.

“In questo modo, si favorisce la crescita professionale dei giovani avvocati, che difficilmente hanno accesso agli incarichi pubblici, e si favorisce una difesa efficiente dell’ente, dato l’alto e gravoso carico di impegni e lavoro a cui gli uffici sono sottoposti”. Contestuale è anche la proposta di consentire l’esercizio della pratica forense nell’ufficio Contenzioso nell’ottica di un arricchimento importante del percorso di formazione.

Dopo il via libera del consiglio comunale all'apposita mozione, saranno attivate le procedure necessarie a porre in essere il necessario regolamento e la convenzione, con l’auspicato intervento dell’Ordine degli avvocati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pratica in Comune e difesa per cause minori: una proposta per avvocati under 40

LeccePrima è in caricamento