Politica

Evitare l’ecotassa: l’incremento minimo è vicino. Il sindaco esorta i suoi concittadini

A Porto Cesareo i dati della raccolta della differenziata dicono che manca, a pochi giorni dalla scadenza, un punto percentuale alla soglia prevista dalla Regione Puglia per scongiurare la tassa. Salvatore Albano ha emanato una nuova ordinanza

PORTO CESAREO – Come molti altri comuni salentini, anche Porto Cesareo sta facendo una corsa contro il tempo per evitare l’entrata in vigore dell’ecotassa. L’obiettivo è di raggiungere entro la fine del mese un incremento nella raccolta dalla differenziata del 5 per cento rispetto all’ultimo dato consolidato e la città rivierasca ha ancora qualche giorno per ottenere quel punto percentuale che ancora manga al traguardo.

Ieri è stato fatto il punto della situazione con il sindaco Salvatore Albano, il vice sindaco con delega all’Ambiente, Paola Cazzella, il comandante della polizia locale e i rappresentanti della ditta incaricata della raccolte dei rifiuti. Nei mesi scorsi Porto Cesareo è passata dall’8 per cento a poco più del 12. E nel vertice si è cercato di trovare la via migliore per chiudere il cerchio. L’amministrazione ha deciso di estendere il porta a porta ad altre  zone della città e a mantenere la premialità per le migliori performance di raccolta della differenziata.

Al termine della riunione è stata emanata un’ordinanza con le indicazioni per tutte le utenze, domestiche e non, con la raccomandazioni di non incorrere in infrazioni che possono portare ad una sanzione anche di 500 euro. L’amministrazione conta sulla collaborazione dei cittadini per questo sprint finale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evitare l’ecotassa: l’incremento minimo è vicino. Il sindaco esorta i suoi concittadini

LeccePrima è in caricamento