rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
A Tricase / Tricase

Palazzo Gallone, si dimettono altri tre assessori: si va verso il rimpasto

La crisi aperta dalle dimissioni di Ciardo e poi di Forte, la richiesta di azzeramento del Pd portano a questa svolta: ora il sindaco De Donno pronto ad avviare una discussione interna

TRICASE – Tre assessori che si dimettono e giunta di fatto saltata: tutto in pochi giorni dopo un lungo mese di malumori e trattative fallite. Quella si chiude è una settimana di fuoco per il governo di Tricase: maggio era stato il mese del grande gelo e della crisi amministrativa, iniziata con le dimissioni del vicesindaco Andrea Ciardo per via delle divergenze col sindaco Antonio De Donno e passata per la scelta del Partito Democratico di sospendere la propria attività in attesa di un chiarimento formale col primo cittadino.

Poi, nei giorni scorsi, il secondo passo indietro, quello dell’assessora Anna Forte col comunicato del Pd a pretendere un azzeramento dell’esecutivo. Oggi, l’ultimo atto: Rocco Piceci, Gabriele D’Amico e Serena Ruberto hanno consegnato al sindaco le loro dimissioni, aprendo ufficialmente la fase che anticipa una verifica per il rimpasto.

“Nel ringraziare il sindaco Antonio De Donno per la fiducia accordata e la maggioranza dei consiglieri per il sostegno amministrativo ed umano concesso, certi di aver contribuito, nella qualità, a realizzare un segmento del programma amministrativo – precisano i tre dimissionari -, comunicano di aver rimesso nelle mani del sindaco, Antonio De Donno, il mandato a suo tempo conferito”.

L’idea è quella di “agevolare un più proficuo e sereno confronto tra i gruppi consiliari, foriero, ne siamo convinti, di una più coesa, determinata ed incisiva azione amministrativa di cui la nostra città ha bisogno. È superfluo evidenziare che in questo rinnovato e ritrovato entusiasmo non mancherà il nostro impegno, contributo e sostegno”.

Ora la palla passa al sindaco, che riflette sul da farsi e che dovrà avviare il confronto e redistribuire le deleghe, per cercare di non vedere interrotta anzitempo la sua esperienza amministrativa alla guida della città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Gallone, si dimettono altri tre assessori: si va verso il rimpasto

LeccePrima è in caricamento