menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Lizzanello.

Il municipio di Lizzanello.

Nuovo colpo di scena: tra i dimissionari anche presidente del consiglio, poi il sindaco lascia

In mattinata, alle firme dei 4 consiglieri dimissionari si sono aggiunte quelle di altri nove. Qualche ora dopo, il primo cittadino ha lasciato l’incarico

LIZZANELLO – Colpo di scena finale a Lizzanello: il sindaco lascia l’incarico, mentre ai dodici dimissionari si aggiunge anche il presidente del consiglio comunale. Una mattinata infuocata, quella di oggi, a Lizzanello, dove viene sciolta nuovamente l’assise. Fulvio Pedone, ritornato primo cittadino dopo appena un giorno di commissariamento, a seguito della revoca da parte della stessa prefettura, ora abbandona definitivamente. Ha protocollato poco fa, intorno alle 13, la decisione: nel pomeriggio era peraltro previsto il consiglio comunale per la surroga dei quattro consiglieri che, fisicamente, si sono recati nei giorni scorsi per sottoscrivere le dimissioni.

Alle 9 intanto, ai quattro si sono sommati anche gli altri otto che avevano concesso la delega più il nono consigliere aggiuntosi last minute. Dopo la revoca del decreto di scioglimento del consiglio comunale, per un presunto vizio formale nella presentazione delle dimissioni da parte della maggioranza dei consiglieri comunali (revoca contestata con atto di diffida tramite il legale Pietro Quinto), questa mattina sono state reiterate le dimissioni con l’incremento del minimo dei dimissionari.

L’atto è stato protocollato presso la segreteria comunale. A seguito della nuova iniziativa della maggioranza dei consiglieri, il sindaco Fulvio Pedone ha presentato le dimissioni dalla carica. “E, tuttavia, le dimissioni del sindaco, revocabili nell’arco di venti giorni, non precludono l’emanazione del necessario decreto prefettizio di scioglimento del consiglio comunale per il venir meno della maggioranza dei suoi componenti. La vicenda del Comune di Lizzanello - ha commentato l’avvocato Quinto - potrà fare scuola perché si sono resi necessari due decreti di scioglimento per prendere atto della dissoluzione della maggioranza del consiglio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento