Politica

Prc, largo ai giovani. Nuovo direttivo di trentenni

Si sono svolte domenica scorso le elezioni per il rinnovo del circolo comunale della Rifondazione comunista di Zollino: nel direttivo, età media che non supera i trent’anni. Simone Chiga segretario

 

ZOLLINO – Se la politica parte dalla base e con la partecipazione nel piccolo delle realtà comunali, a Zollino, domenica scorsa, si può dire che per il circolo di Rifondazione comunista sia stata una giornata importante. Presso Palazzo Raho, infatti, si è svolto il congresso cittadino del circolo Prc “M. Manco”, in preparazione dell’8° Congresso nazionale del Partito della Rifondazione Comunista: un appuntamento che ha visto un’ottima presenza di iscritti e simpatizzanti.

Dopo la relazione introduttiva del segretario comunale uscente Alessandro Pellegrino, si è aperto un ricco dibattito, durante il quale i comunisti zollinesi hanno approfondito analisi e proposte, a partire dai tre documenti congressuali, per determinare il ruolo che il partito dovrà svolgere in un momento così complicato a livello nazionale e internazionale.

“Attualità del comunismo”, “crisi della democrazia e libertà”, “riconversione ambientale e sociale dell’economia”, “beni comuni”, “liberazione del lavoro e dal lavoro”, “crisi ambientale ed energetica”, “fronte democratico per cacciare Berlusconi ed impraticabilità, nell’attuale fase politica, di un accordo di governo”, “come e in quali forme unire le forze della sinistra di alternativa”, “come realizzare una moderna società dei diritti per tutti”, “rapporto con i movimenti”: questi i principali temi su cui si è dibattuto. Unanime il giudizio negativo, espresso dai presenti, nei confronti del sistema capitalistico e liberista e dei poteri forti, che continuano a presentarlo come l’unico possibile.

A margine dei lavori congressuali, oltre ai delegati per il Congresso provinciale, è stato eletto il Direttivo e Simone Chiga quale nuovo segretario del circolo. Si tratta di un direttivo la cui età media non supera i trent’anni (dato questo tutt’altro che scontato in tempi di forte antipolitica) e che vede la presenza di ben 4 donne su 7 componenti: una scelta importante e in controtendenza a proposito di parità di genere, tema mai come oggi centrale nella vita politica italiana ed evidentemente caro a Rifondazione Comunista. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prc, largo ai giovani. Nuovo direttivo di trentenni

LeccePrima è in caricamento