Discarica di Corigliano, Perrone contro Vendola e Ada Fiore: "Chi paga i costi?"

Il sindaco di Lecce, nelle vesti di presidente dell’Ato, entra nel dibattito con una lunga dichiarazione, in cui attribuisce al presidente della Regione le maggiori responsabilità dell'emergenza e al sindaco di non aver fatto nulla nel 2002 per impedire la nascita della discarica

LECCE – Ne ha per tutti, Paolo Perrone. Per Nichi Vendola, ma anche per Ada Fiore. Il sindaco di Lecce, nelle vesti di presidente dell’Ato, entra a piè pari nel dibattito sulla discarica di Corigliano d’Otranto e, in una lunga dichiarazione, accusa: “Assisto con estrema preoccupazione alle polemiche sorte negli ultimi giorni sulla ormai, annosa, paradossale e stucchevole vicenda riguardante la discarica di Corigliano d’Otranto che vede coinvolti esponenti politici che si oppongono alla  programmazione e alle decisioni assunte da rappresentanti dello stesso schieramento”.

“Una cosa, infatti, deve essere chiara – afferma -: assistiamo ad una diatriba tutta interna al centrosinistra che si consuma ai danni dei cittadini”. Nei giorni scorsi l’appello per una rivoluzione etica delle comunità locali, con la firma di quattordici sindaci, poi l’intervento del segretario regionale del Pd, Sergio Blasi.

Ma Perrone, premettendo di attribuire le “maggiori responsabilità per questa situazione al presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola”, spiega: “Fu lui, nella sua veste di commissario per l’emergenza ambientale, a firmare il contratto per la realizzazione della discarica di Corigliano d’Otranto. A causa delle lungaggini e dei ritardi accumulati, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha emanato innumerevoli ordinanze tra cui l’ultima di qualche giorno fa, con le quali ha stabilito che in attesa della ultimazione del sito di conferimento dei rifiuti di Corigliano d’Otranto, i 46 comuni dell’ex bacino Le/2 devono utilizzare la discarica di servizio di Ugento, con grande sacrificio da parte delle popolazioni del basso Salento”.

Per Perrone, però, Vendola non è l’unico responsabile. “La posizione del sindaco di Corigliano d’Otranto, Ada Fiore, appare infatti tardiva, strumentale e per certi versi grottesca”, scrive. E giù un forte atto d’accusa. “Mi chiedo perché il sindaco Ada Fiore non si è opposto nel 2002 - quando rivestiva i panni di amministratore comunale e, dunque, era ben a conoscenza della vicenda - all’attuale localizzazione della discarica? E perché non l’ha fatto nemmeno nel 2006, anno in cui il commissario Vendola firmò i contratti con i quali veniva individuato il sito in questione?”

perrone-9-5Ancora: “Perché nel 2008 il commissario per l’emergenza ambientale Vendola, su proposta avanzata dall’allora presidente della Provincia di Lecce Giovanni Pellegrino e condivisa dal sindaco Fiore, invece di procedere alla cancellazione del sito e all’individuazione di uno nuovo preferì adottare una variante al progetto iniziale che prevedeva la riduzione dell’area interessata, la trasformazione del sito in discarica di servizio (riceve solo la frazione di rifiuti trattata) e non anche di soccorso, come stabilito in precedenza, e il conseguente potenziamento dell’impianto di Poggiardo per la maggiore biostabilizzazione della frazione umida dei rifiuti?”

Per Perrone, Vendola e Fiore “avrebbero potuto eliminare quella discarica e non l’hanno fatto, salvo poi ricordarsene qualche anno dopo”. E per il provvedimento adottato ora si rischia “un conseguente aumento delle relative tariffe di funzionamento che andranno a gravare sulle tasche dei cittadini. E chi pagherà i costi per la realizzazione della discarica?".

Da ora, dunque, l’annuncio: “Chiederò copia di tutta la documentazione relativa alla discarica di Corigliano d’Otranto per fare chiarezza su questa vicenda.  E ad ogni buon conto – precisa - dovrà essere il commissario per l’emergenza ambientale in Puglia, Nichi Vendola, a fornirci chiarimenti ed eventuali alternative, in considerazione del fatto che  il procedimento amministrativo relativo alla realizzazione di questi impianti è nato e rimane incardinato presso gli uffici del commissario per l’emergenza ambientale della Regione Puglia”.

“In ogni caso – conclude -, occorre procedere con urgenza visto che al momento il sito di Ugento -  indicato dal commissario Vendola ad ospitare temporaneamente anche i rifiuti del bacino di Corigliano - rischia di implodere poiché ha visto assottigliarsi notevolmente i volumi a disposizione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento