E il caso filobus approda in diretta tv

Conferenza stampa da Palazzo Carafa con il sindaco Adriana Poli Bortone. Il primo cittadino ha smontato in mezzora di intervento le accuse di coloro che non vedono utile in città la metropolitana

Il modello di filobus che attraverserà Lecce (fonte "Mobility Lab, numero 13)-2
Non sono proprio cose di ordinaria amministrazione: una diretta televisiva da Palazzo Carafa attraverso un paio di emittenti locali per spiegare alla stampa e ai cittadini le ragioni dei filobus a Lecce. Dalla sala giunta il sindaco uscente Adriana Poli Bortone, il candidato a primo cittadino della Cdl Paolo Perrone (attuale vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici) e l'assessore al Traffico Gianni Peyla sono apparsi sugli schermi per rispondere passo per passo alle perplessità di quanti si dichiarano contrari alle metropolitana di superficie, ai pali, alle correnti vaganti nocive, a coloro che pensano al filobus come un'opera inutile per Lecce.

"E' la città che ci ha chiesto un sistema di trasporti nuovo ed efficiente - ha detto Poli Bortone - anche perché forse non tutti sanno che Lecce sopporta una mole di traffico che si aggira intorno a 200mila auto al giorno. Quindi, sulla base di questo dato, come si fa ancora a parlare di bus a gasolio, riconosciuti tra l'altro dagli esperti come mezzi altamente inquinanti"

"C'è poi chi cavalca il luogo comune sull'inadeguatezza dei filobus, sul fatto che questo sistema di trasporti è ormai superato. Allora qualcuno dovrebbe spiegarmi perché il ministero dei Trasporti individua nella legge "211" l'opportunità di finanziamenti pubblici per la realizzazione di sistemi a trazione elettrica. Sono impianti che utilizzano tecnologie di avanguardia, altrimenti non si spiegherebbe perché esiste il club delle città italiane che si attrezzano con sistemi di trasporto uguali a quelli adottati da noi. Ve ne cito solo alcune: Torino, Genova, Palermo, Milano, Bologna, Firenze, Roma, Ancona, Pescara, Avellino ed altre ancora. Molte di queste città sono tradizionalmente governate dalla sinistra - afferma il sindaco di An Adriana Poli Bortone - quindi - aggiunge sotto intendendo ai detrattori della fazione politica opposta - qui si mente sapendo di mentire quando si dice che i filobus nelle altre città vengono smantellati".

Altra questione presa in rassegna del sindaco riguarda il fatto che in città i nuovi mezzi potrebbero girare vuoti, e questo a causa della mentalità dei leccesi, per i quali sarebbe un disonore salire a bordo dei mezzi pubblici. "A questo punto - ha detto - ci vorrebbe solo un mago per capire cosa accadrà. Io so solo che 27 chilometri di filobus, 42 bus eco-compatibili, 14 minibus elettrici saranno utili a rendere migliore la qualità della vita di tutti".

Nodo centrale della conferenza stampa in diretta tivù i pali, già, il tormentone di questa campagna elettorale ma non solo. "Quattrocento pali di pubblica illuminazione saranno eliminati grazie ai pali che sosterranno i cavi elettrici per l'alimentazione dei bus, e non mi sembra una cosa da niente - ha continuato Adriana Poli Bortone - per cui si dovrebbe aspettare prima di lanciare sentenze sulla dannosità della metropolitana di superficie. I pali deturpano la città d'arte? Non è vero, perché i pali sono stati posizionati tra gli alberi e posso dire che quelli intorno le rotatorie, in via sperimentale, potrebbero essere eliminati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Il sindaco risponde poi agli ambientalisti che in questi giorni avevano sollevato il problema sulla dannosità delle correnti vaganti prodotte dall'alimentazione elettrica. "C'è una commissione ad hoc che osserva il rispetto dei parametri delle emissioni nei pressi delle sottocabine di alimentazione nel rispetto della legge". Adriana Poli Bortone ha quindi concluso il suo intervento ricordando che "la metropolitana di superficie non peserà sulle tasche dei cittadini. E non solo quest'opera ma anche le tante altre in via di realizzazione. Se la nostra città è un cantiere vi chiedo scusa per i disagi che state affrontando ma è grazie ai finanziamenti ottenuti che oggi possiamo migliorare Lecce e, tengo a ribadire, senza alcun aumento delle imposte per i contribuenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento