Loredana Capone incoraggia i suoi: "In un mese recuperati 30 punti"

Convention di fine campagna elettorale con molti big del Partito democratico. Da Sergio Blasi a Nicola Zingaretti fino a Michele Emiliano che a sorpresa dichiara: "Lecce è la città che rappresenta la Puglia in Italia e all'estero"

Loredana Capone

LECCE - "Lecce è la città che rappresenta la Puglia in Italia e nel mondo". Con questa dichiarazione inattesa e plateale, Michele Emiliano, sindaco di Bari e presidente del Partito democratico pugliese, prova a stemperare le polemiche tra Loredana Capone e Paolo Perrone, sindaco della città. Il primo cittadino del capoluogo regionale - per la seconda volta in questa campagna elettorale per le primarie - è al fianco della candidata del Pd, attesa domenica da un'insidiosa sfida con Carlo Salvemini e Sabrina Sansonetti per la designazione dello sfidante di Perrone nella prossima primavera.

Davanti a una platea numerosa, Emiliano ha detto: "Questa sera qui a Lecce leggo una possibilità di cambiamento reale e questa, credetemi, è una delle vere magie che la politica conosce. Infine, tengo a sottolineare che la capacità di superare le storie pregresse è segno di una classe dirigente che dimostra amore sincero verso la propria terra, che dimostra di avere voglia di fare e ancora molte cose da dire al fianco dei cittadini. Lecce è di tutti i leccesi e con Loredana può ritornare nelle loro mani."
 
IMG_1942-2Presente anche il segretario regionale, Sergio Blasi, e tutto il gruppo dirigente cittadino: i consiglieri comunali, il segretario Fabrizio Marra, ma anche una delegazione del Partito socialista che ha deciso di appoggiare l'esponente democratica. Da Roma è arrivato a dare il suo contributo Nicola Zingaretti, presidente della provincia di Roma. Il segretario regionale, riprendendo l'omaggio di Emiliano alla bellezza di Lecce, ha commentato sornione: "Si vede che ha funzionato il corso di salentinità che gli ho impartito". Poi ha spezzato una lancia a favore delle primarie: "Sono uno strumento che unisce e che rende più credibile un'alternativa vera al governo della destra sulla città di Lecce".
 
Evidente la strategia scelta dal Pd per la chiamata alle armi dell'ultima settimana: mobilitare il proprio elettorato veicolando il messaggio che solo con la Capone il centrosinistra può avere speranze di vittoria per cambiare il segno politico della città. E per dare linfa ai propri elettori, Loredana Capone ha dichiarato di aver recuperato 30 punti rispetto a Salvemini che un sondaggio commissionato dal Pd all'inizio della contesa - e illustrato in una conferenza stampa - dava al 60 per cento contro il 28 della Capone (che perciò ora sarebbe a soli due punti dal competitore, ndr). Strategia elettorale a parte (sui sondaggi informali è meglio andarci cauti), sono giornate di grande mobilitazione queste che separano la coalizione dalla celebrazione delle primarie, ed ognuno spara le proprie cartucce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Paura nella notte: fulmine su palazzina sveglia i residenti, danni a elettrodomestici

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento