Venerdì, 23 Luglio 2021
Elezioni comunali 2012

"Lecce non andrà al centrosinistra". Poli e Perrone benedicono la pace

Presentata la lista di Io Sud. Tra sorrisi, abbracci e anche un bacio con la senatrice, affiorano alcuni distinguo e non mancano "eleganti" punture di spillo. Il sindaco rassicura: "Non ho nessun imbarazzo ad essere qui con voi"

LECCE - Tra Paolo Perrone e Adriana Poli Bortone c'è stato anche un bacio, assai applaudito da candidati e simpatizzanti di Io Sud, alla presentazione della lista dei 32 che sosterranno il sindaco uscente alle elezioni amministrative. La pace, già siglata con i buoni uffici della diplomazia politica, è stata suggellata nell'incontro di questo pomeriggio presso il quartier generale elettorale del movimento che fa capo alla senatrice. Non che siano state tutte rose e fiori, anche perché, si sa, due litiganti che si riconciliano non sono mai disposti a concedere all'altro tutta la ragione.  E allora, nelle righe di due interventi comunque brevi e per certi versi di maniera, sono emerse alcune distonie. 

Il sindaco ha esordito rivolgendosi ai cronisti presenti: "Non ho nessun imbarazzo a essere qui, anzi sono molto contento". Il primo cittadino ha individuato nelle primarie del centrodestra e nell'accordo politico - che, a onor del vero, è passato sulla sua testa - caldeggiato da Raffaele Fitto i fattori chiave del riavvicinamento che consente alla coalizione di presentarsi compatta ai leccesi. "Qualcuno aveva fatto male i conti - ha aggiunto, dopo, la parlamentare salentina - e presto svelerà i retroscena di questo programma fatto a tavolino. Lecce non sarà di centrosinistra".  A buon intenditor, poche parole. 

poli_perrone1 003-2Perrone ha poi lanciato una sottile provocazione che l'atmosfera ecumenica della presentazione ha reso marginale: "Se fossimo stati in competizione, come pure altre volte è avvenuto, molti - e il riferimento è tanto agli elettori quanto ai candidati consiglieri - avrebbero avuto l'imbarazzo della scelta". "E noi gliel'abbiamo tolta", ha prontamente replicato la senatrice che, qualche istante dopo, ha ironicamente spiegato il bacio al sindaco: "Così il Pd avrà un altro pretesto per fare un manifesto". 

Adriana Poli Bortone, che per tempra è una che non si morde la lingua, dopo aver trattenuto a stento le lacrime - " mi sono commossa perché abbiamo proprio una bella lista" - ha voluto precisare a scanso di equivoci un'espressione usata poco prima da Perrone: "Nessun intento polemico, tantomeno oggi, ma devo dire che per noi non si tratta di un ritorno a casa perché noi siamo sempre stati coerenti con i nostri valori". La leader di Io Sud ha poi spiegato che l'evoluzione del quadro politico  nazionale - con la Lega che ha "divorziato" dal Pdl - ha senza dubbio facilitato la riappacificazione in terra salentina. 

Di seguito i candidati per la lista di Io Sud alle elezioni del 6 e 7 maggio: Cazzella Francesco, Maria Rosaria Ferilli, Francesca Mariano, Luciano Battista, Cosima Bagnato, Leonardo Calò, Antonella Carlà, Giovanni Carratta, Viviana Carrone, Monica Casaluce, Maria De Carlo, Francesco De Luca, Maurizio De Meis, Antonio De Rinaldis, Dario Epifani, Donatella Fiorentino, Fracasso Annibale, Errico Grasso, Folco Gregoriadis, Daniele Invidia, Andrea Maggiulli, Alessandro Manzoni, Alfonso Migali, Antonio Miggiano, Michele Petracca Luca Renna, Marco Rizzo, Roberto Rollo, Pierpaolo Russo, Gianpaolo Scorrano, Vittorio Trullo, Giuseppe Vergara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lecce non andrà al centrosinistra". Poli e Perrone benedicono la pace

LeccePrima è in caricamento