Elezioni comunali 2012

Sospese esclusioni delle associazioni Federaziende e Fedimprese dal rinnovo del consiglio Cciaa Lecce

Con due distinti decreti cautelari, il Tribunale Amministrativo per la Puglia - sez. di Lecce - ha sospeso i provvedimenti di esclusione di Federaziende e Fedimprese

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Con due distinti decreti cautelari, il Tribunale Amministrativo per la Puglia
- sez. di Lecce - ha sospeso i provvedimenti di esclusione di Federaziende e
Fedimprese, associazioni maggiormenete rappresentative, apparentate nella
procedura di rinnovo del consiglio camerale. I provvedimenti impugnati sono
stati emessi dalla Camera di Commercio di Lecce, con la motivazione che le
stesse associazioni non hanno documentato le iscrizioni delle imprese iscritte
a più associazioni, risultanti dalla domanda di partecipazione alla citata
procedura.
Con i ricorsi proposti da Federaziende e Fedimprese, rappresentate e difese
dall'avv. Luca Vergine, contro la Camera di Commercio di Lecce e la Regione
Puglia hanno evidenziato l'illegittimità dei provvedimenti di eslusione perchè
adottati dopo la conclusione dell'istruttoria dell'ente camerale, il cui esito
aveva condotto a validare i dati di tutte le associazioni concorrenti. Nel caso
delle due associazioni citate, era stato avviato un ulteriore approfondimento
istruttorio, diretto a cercare quali imprese risultassero iscritte a più
associazioni per un numero di 33 e 20 aziende rispettivamente di Federaziende e
Fedimprese. Per la verifica del campione prescelto di iscritti, oltre che
essere stato già parzialmente oggetto di controllo, introduceva un nuovo
criterio, non richiesto alle altre associazioni, la copia di adesione
dell'impresa, sottoscritta dall'associato. Il criterio citato è illegittimo
perchè la legge prevede che l'iscrizione all'associazione è documentata in base
ai criteri di iscrizione dello statuto dell'associazione.
Con i citati provvedimenti giurisdizionali, il TAR ha fissato l'udienza del
28.05.15 per la discussione in udienza per la revoca o la conferma della
sospensione degli atti impugnati.
Sussiste il rischio ed il pericolo che la Camera di Commercio a causa dei
ritardi maturati nel corso di tutta la procedura avviata il 24.07.15 e che
avrebbe dovuto concludersi entro 180 giorni, possa giungere alla scadenza del
termine di prorogatio del 22.07.15 degli organi camerali in carica senza il
rinnovo del Consiglio Camerale con il conseguente commissariamento dell'ente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospese esclusioni delle associazioni Federaziende e Fedimprese dal rinnovo del consiglio Cciaa Lecce

LeccePrima è in caricamento