Sabato, 25 Settembre 2021
Politica Parabita

Emergenza ambientale e progetti di riforestazione: i sindaci a lavoro

Il 23 agosto i presidenti del Djas e della Provincia di Lecce hanno convocato i primi cittadini per coinvolgerli in uun percorso naturale di insediamenti forestali, ad integrazione delle aree ancora destinate alla produzione agricola

PARABITA – Un percorso di riforestazione del territorio per combattere i danni provocati dalla diffusione della xylella e combattere i cambiamenti climatici. È questo il progetto, firmato dal Djas (Distretto agroalimentare jonico salentino) e dalla Provincia di Lecce, che sarà portato all'attenzione degli amministratori locali e, in un secondo momento, delle comunità e dei portatori di interesse.

Il primo incontro con i sindaci e i rappresentanti istituzionali si terrà lunedì 23 agosto, nella sala Macine di Palazzo Ferrari a Parabita, alle ore 18.

Più nel dettaglio, la proposta di riforestazione rientra nell'ambito del progetto “Rigenerazione Sostenibile” del Dajs e prevede la realizzazione di un sistema rinaturalizzato che sostituisca la rete ecologica garantita per secoli dalla coltura estensiva dell’ulivo, con una rete fisica di connessioni di aree boscate e aree verdi. I promotori immaginano la realizzazione di un percorso naturale di insediamenti forestali, ad integrazione delle aree ancora destinate alla produzione agricola.

In una prima fase occorrerà fare un censimento per identificare le aree marginali, abbandonate o semi abbandonate, vocate per interventi di forestazione, e la definizione dei confini geografici (immagini satellitari, cartografiche, catastali) per programmare gli interventi. Sarà importante valutare le specie più idonee, anche nell'ottica della produttività del bosco.

L’analisi iniziale comprenderà anche aree appartenenti alle pubbliche amministrazioni: occorrerà verificare stato ed estensione delle alberature urbane fuori foresta, degli spazi urbani e periurbani liberi, potenzialmente utilizzabili.

Indispensabile sarà poi il lavoro di associazioni che intendano attuare i piani di forestazione e la creazione di boschi di comunità.

Il tavolo istituzionale

All'incontro del 23 agosto sono stati convocati il presidente della Provincia, Stefano Minerva, il presidente del Dajs, Pantaleo Piccinno, il direttore del Dajs, Maurizio Mazzeo, il rettore dell'Università del Salento Fabio Pollice, il vicepresidente del Ciheam Teodoro Miano, il Premio Nobel per la Pace e membro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change Riccardo Valentini.

I componenti del comitato tecnico-scientifico del distretto agroalimentare avvieranno un confronto con i sindaci dei Comuni di Parabita, Nardò, Porto Cesareo, Galatone, Galatina, Neviano, Aradeo, Seclì, Tuglie, Sannicola, Gallipoli, Alezio, Casarano, Collepasso, Matino, Melissano, Taurisano, Taviano, Racale, Ugento, Alliste e Supersano.

“Il percorso - ha spiegato il presidente Piccinno - potrebbe iniziare in tempi brevi, accompagnato anche dalla progressione dei risultati del Piano di rigenerazione sostenibile dell'agricoltura nei territori colpiti da xylella fastidiosa”.

“Molto utile - ha proseguito - sarà anche la condivisione del progetto da parte della politica e delle amministrazioni locali grazie all’assegnazione di suoli e aree pubbliche da destinare al progetto e l'innesco di attività dirette e in associazione tra enti. Un percorso virtuoso per ridare bellezza, ossigeno e verde al nostro Salento. Un dovere morale che abbiamo verso le prossime generazioni”.

Il presidente Minerva ha definito “fondamentale la partecipazione dei sindaci e delle comunità agli incontri nell'ambito del Piano di riforestazione”.

“Sarà necessario affiancare un percorso di prevenzione e cura del territorio, con l'obiettivo primario della sua valorizzazione – ha aggiunto lui -. Ecco perché non vi è più solo il tema dell'emergenza: ci troviamo a combattere una piaga non più estemporanea ma strutturale, e dobbiamo farlo con progetti di lungo periodo. Prevenzione, riforestazione, tutela e valorizzazione siano le nostre linee guida nei prossimi anni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza ambientale e progetti di riforestazione: i sindaci a lavoro

LeccePrima è in caricamento