Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Emergenza ulivi salentini, dalla Ue arrivano rassicurazioni per attivare il Fondo

Il commissario europeo alla salute, Tonio Borg, avrebbe dato la sua disponibilità per attivare prontamente un intervento concreto. Questo dopo la telefonata del ministro per le Politiche agricole e alimentari, Nunzia De Girolamo

LECCE – La buona notizia è che l’Unione europea si attiverà il Fondo per gli ulivi salentini. Così, dopo le misure di emergenza varate dalla Regione Puglia contro gli agenti responsabili del disseccamento rapido del legno dell’olivo su le indicazioni degli organismi tecnici e scientifici che da giorni stanno cercando di arginare la diffusione del batterio “Xylella fastidiosa”, la cui azione sta facendo strage di piante su circa ottomila ettari, il commissario europeo alla salute, Tonio Borg, ha dato la sua disponibilità per un intervento concreto.

Secondo quanto riporta una agenzia Ansa, il ministro per le politiche agricole e alimentari, Nunzia De Girolamo, ha telefonato al commissario europeo alla salute chiedendogli "di attivare al più presto possibile il fondo di solidarietà comunitario per le emergenze fitosanitarie, affinché anche l'Ue si unisca agli sforzi già messi in atto a livello nazionale e regionale per gli ulivi salentini". 

Anche il presidente della Commissione agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo Paolo De Castro, scrive in una nota di avere “depositato ieri un’interrogazione per sollecitare l’intervento della Commissione Ue in merito al fenomeno della diffusione del batterio che ha contaminato circa ottomila ettari di uliveti nel Salento". 

"Il batterio ‘Xylella fastidiosa’ - si legge nel testo dell’interrogazione - sta mettendo a rischio sradicamento 5-6.000 alberi d’ulivo, tra cui moltissimi secolari e sta danneggiando in maniera profonda l’economia e il paesaggio di un’intera regione la cui agricoltura si basa sulla coltivazione dell’ulivo e il cui ambiente è legato alla presenza di ulivi secolari di inestimabile valore ambientale e paesaggistico. Per queste ragioni - ha concluso De Castro - abbiamo ritenuto necessario e urgente chiedere l’intervento della Commissione in termini di stanziamenti di risorse finanziare a sostegno dell’Italia e degli agricoltori colpiti e di misure volte a contrastare la propagazione della malattia sia sul territorio nazionale che su quello europeo”. Il presidente Comagri ha inoltre annunciato che invierà una lettera al commissario europeo all'agricoltura, Dacian Ciolos, per sollecitare l'intervento dell'Esecutivo Ue.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza ulivi salentini, dalla Ue arrivano rassicurazioni per attivare il Fondo

LeccePrima è in caricamento