Politica

Festa di San Rocco, denunciato il conflitto di interessi dell’ex assessore provinciale

Dall'accordo di sponsorizzazione con Tap alla presidenza di due fondazioni: Pasquale Gaetani, già presidente di quella partecipata dalla Provincia e che si è occupata del "concertone" dello scorso anno, avrebbe dato vita ad una seconda

RUFFANO – Se non c’è più Tap come sponsor, ci sono invece ancora le polemiche. Anzi, la nuova presa di posizione di tre membri del consiglio di amministrazione della “Fondazione Notte di San Rocco – pizzica , tamburello e scherma in ronde”  è destinata ad avere un seguito formale nell’esposto che l’avvocato Giancarlo Sparascio presenterà nei prossimi giorni presso la Procura della Repubblica contro Pasquale Gaetani, presidente della fondazione e già assessore provinciale.

Luigi Frisullo, Antonio Morello e Francesco Romano ritengono che il nuovo soggetto a cui Gaetani avrebbe dato vita secondo quanto da lui stesso dichiarato alla stampa – la “Fondazione Notte di San Rocco di Torrepaduli” – sarebbe in palese conflitto di interessi con quella già esistente e della quale è rimasto pur sempre presidente. Le ragioni di questo convicimento sono esplicitate in una nota:  “Gaetani, nonostante i ripetuti inviti a regolarizzare la posizione amministrativa della prima fondazione, non ancora iscritta nel relativo registro prefettizio, starebbe utilizzando la notorietà acquisita da quest’ultima, anche grazie al consistente supporto economico del socio Provincia di Lecce, per agevolare la sua nuova fondazione, organizzando eventi che del tutto artatamente rimandano alla notte di San Rocco. Riteniamo sconcertante che Gaetani possa utilizzare la fondazione a proprio uso e consumo, svilendo in tal modo le centenarie tradizioni legate al partecipato evento laico e religioso conosciuto a livello internazionale, che per anni ha inorgoglito le comunità locali”.

Per i tre consiglieri della fondazione “ufficiale” è evidente il danno di immagine che la comunità di Ruffano e la festa di San Rocco in particolare avrebbero ricevuto dalla vicenda, per come si è sviluppata: “Riteniamo inconcepibile che, per promuovere la sua nuova fondazione, Gaetani sia anche stato capace di avviare trattative con il consorzio Tap per ottenerne la sponsorizzazione, salvo poi fare marcia indietro quando ormai le critiche dell’opinione pubblica erano ingiustamente ricadute sull’intera festa di San Rocco”.

Frisullo, Morello e Romano, ricordando poi il contributo di 50mila euro ricevuto per l’organizzazione del “Concertone” dello scorso anno, con Vinicio Capossela, come ospite, attendono di sapere se l’amministrazione comunale, per l’evento del prossimo 18 agosto favorirà la fondazione creata di recente dall’ex assessore Gaetani a scapito di quella di cui anche la Provincia è socia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa di San Rocco, denunciato il conflitto di interessi dell’ex assessore provinciale

LeccePrima è in caricamento