Martedì, 28 Settembre 2021
Politica Gallipoli

Ex Poste inagibile e fatiscente. Comune corre ai ripari

L'immobile che ospitava a Gallipoli l'ufficio centrale di piazza Imbriani è pericolante e invaso da rifiuti d'ogni genere. Una missiva del consigliere Quintana smuove le acque. Sopralluogo del sindaco


GALLIPOLI - Una volta ospitava l'ufficio centrale delle Poste Italiane di stanza nel centro storico gallipolino. Ora, dopo la sua chiusura di alcuni anni addietro (con il trasferimento dell'ufficio postale nei locali di via Quartini), quell'immobile mostra tutti i segni del suo inequivocabile declino. Abbandonato e dichiarato da tempo inagibile. Esposto alle intemperie e all'erosione degli agenti atmosferici, ed alcune delle sue strutture portanti che sono, a dir poco, pericolanti. E poi dietro i vecchi cancelli arrugginiti dell'ex ingresso si possono ammirare, depositati dalla mano incivile dei più, rifiuti di ogni genere che ovviamente sarebbero dovuti essere "spediti" negli appositi raccoglitori. Lo spettacolo dunque non è dei più decenti anche perché quell'edificio si trova nel bel mezzo della centralissima piazza Imbriani e all'intersezione di via Antonietta De Pace. E non è solo un questione meramente "estetica", ma anche di sicurezza e di decoro urbano. Ma il Comune sembra intenzionato a correre ai ripari. Anche se si attendono ancora interventi celeri.

Il tutto grazie anche alla sollecitazione che circa un mese addietro è partita dal consigliere provinciale gallipolino de "La Puglia Prima di Tutto", Sandro Quintana che aveva inviato una lettera al sindaco Venneri e all'assessore al Centro storico, Giorgio Cacciatori, proprio per segnalare la situazione incresciosa in cui versa l'ex immobile delle Poste centrali. "Sono giorni ormai, se non addirittura mesi" rammenta Quintana, "che i cittadini lamentano l'indifferenza da parte dell'Amministrazione comunale e dei legittimi proprietari riguardo il totale abbandono e nello stesso tempo incuria dell'immobile ex ufficio postale che si trova nel cuore del centro storico gallipolino nonché sulla via principale. Sicuramente uno scempio e nello stesso tempo un pessimo biglietto da visita per i tanti turisti che affollano Piazza Imbriani e Via De Pace. Proprio di recente dal suddetto immobile sono caduti in strada conci di tufo e la relativa inferriata a protezione di una delle innumerevoli finestre.Da un'analisi approfondita risulta che l'immobile sopra citato sia stato catalogato come inagibile. Per questo mi chiedo come mai non siano state prese in considerazione, né da parte dei proprietari né da parte dell'Amministrazione stessa, tutte le misure necessarie per la messa in sicurezza di questo stabile".

E continua: "Faccio presente che oltre al problema di staticità, sussiste un altro problema ancor più grave. Il piano terra e gli scantinati sono stati usati come discarica e si possono vedere a occhio nudo carcasse di animali e la presenza di ratti di qualsivoglia dimensione. Una vera e propria bomba ecologica dunque, per lo più nel cuore del Centro storico, il quale invece va tutelato e nello stesso tempo rispettato". E la risposta degli amministratori non si è fatta attendere visto che poco più di 48 ore dopo la segnalazione, il sindaco Venneri, con l'assessore Cacciatori, insieme ai vigili urbani hanno effettuato un sopralluogo correlato da documentazione fotografica, inviando poi una relazione dettagliata all'ufficio tecnico comunale sullo stato di degrado igienico-sanitario e statico dell'immobile. Questo accadeva diverse settimane addietro?Ora si attendono gli atti concreti e consequenziali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Poste inagibile e fatiscente. Comune corre ai ripari

LeccePrima è in caricamento