Politica

"Fare chiarezza con celerità". Sollecito alla Capone

Il segretario cittadino del Pd è convinto che non ci sia più tempo da perdere e sprona i dirigenti locali: "Dimostriamo quella generosità che trasforma le persone impegnate in politica in leader"

Loredana_Capone

LECCE - Il segretario cittadino del Pd, Fabrizio Marra, sollecita senza mezzi termini la vice presidente della Regione Puglia, Loredana Capone, a sciogliere definitivamente le riserve sulla decisione se partecipare o meno alle primarie del centrosinistra come candidata del principale partito di minoranza. Pur comprendendo le ragioni di una riflessione meditata, il responsabile cittadino del Pd ritiene che oramai non ci sia più tempo.

"L'agenda politica ci impone che i tempi non si dilatino e per questa ragione occorre fare chiarezza con celerità. Lavorare sul programma e sulle liste non è impegno da poco e quanto prima il Pd e l'intera coalizione avranno chiaro lo scenario che ci porterà alle prossime amministrative del 2012, tanto più saremo in grado di affrontare al meglio la sfida che abbiamo davanti".

Insomma, la preoccupazione evidente nel segretario cittadino è che il centrosinistra stia perdendo troppo tempo nei confronti degli avversari, già impegnati nell'approntamento della "macchina da guerra elettorale" fondata peraltro su tre consiliature consecutive a Palazzo Carafa. "È il momento della responsabilità e del rigore da parte di tutti - conclude Marra - poiché le settimane che ci aspettano dovranno vedere il protagonismo dell'impegno e della partecipazione, ma sopratutto la dimostrazione di una generosità della classe dirigente del centrosinistra leccese, che fa di persone impegnate in politica, dei leader".

L'invito di Marra a far presto arriva alla vigilia dell'assemblea provinciale del partito che si terrà lunedì pomeriggio. Si discuterà anche della situazione leccese ma anche delle elezioni negli altri comuni salentini chiamati al voto. E' in quella sede che potrebbero maturare indicazioni su "vecchie" e nuove potenziali candidature. Quel che è certo è che le primarie si devono tenere comunque entro gennaio, in modo da consentire almeno tre mesi di organizzazione per le consultazioni ufficiali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fare chiarezza con celerità". Sollecito alla Capone

LeccePrima è in caricamento