Federbalneari erge un muro: "Un piano ideologico e insostenibile"

L'associazione presieduta da Mauro Della Valle attacca l'ex sindaco.E Congedo chiama in causa la proroga della concessioni voluta dalla Lega

Il faro a San Cataldo e una spiaggia in concessione.

LECCE - Dopo l'incontro di Carlo Salvemini sul piano comunale delle coste, un’associazione di categoria, Federbalneari ha eretto un vero e proprio muro giudicando quella proposta “ideologica, insostenibile, ed irrealizzabile”. La sigla guidata da Mauro Della Valle, che ha uno stabilimento proprio a San Cataldo, va giù dura arrivando ad affermare di essersi convinta che “nessun amministratore della squadra Salvemini,  abbia passato,  almeno negli ultimi dieci anni, un solo giorno sulle spiagge di Lecce”.

“Il paesaggio, l’ambiente , si rispettano, creando e migliorando servizi, non cancellando le uniche imprese famigliari balneari che abbiano offerto in venti anni  dignitosi servizi alla comunità, anche quelli come i più comuni  servizi igienici”.

Pochi minuti prima della nota di Federbalneari era giunto un comunicato a firma di Saverio Congedo che ha voluto fare appello al commissario del Comune di Lecce  “affinché venga data applicazione alla circolare regionale del 25 febbraio scorso, riguardante l’ottemperanza alle disposizioni di legge in materia di estensione ex lege della durata delle concessioni demaniali marittime vigenti”. Come noto, infatti, grazie ad un emendamento della Lega, le concessioni sono prorogabili, a richiesta del titolare, fino al 2034, nonostante da anni l’Unione Europea  consideri l’Italia inadempiente rispetto al principio della libera concorrenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Congedo da questa premessa discende una conseguenza automatica: “Appare evidente come questa previsione di legge, che la stessa Regione sollecita a rispettare e che ormai la quasi totalità dei comuni d’Italia ha già adottato, prorogando di quindici anni le concessioni esistenti, andrebbe in contrasto con la drastica riduzione degli stabilimenti balneari prevista dal piano coste predisposto dall’amministrazione Salvemini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Fermato per strada trema davanti ai carabinieri. In casa aveva marijuana

  • Droga e denaro a fiumi, i carabinieri fanno piazza pulita con tre arresti

Torna su
LeccePrima è in caricamento