Festa di Sant'Oronzo, i fondi non bastano: il Comune cerca degli sponsor

Pubblicato il bando. Il sindaco Salvemini: "Le nostre risorse non bastano per garantire tutto quello che vorremmo in termini di allestimenti e iniziative"

La cassa armonica e le luminarie del 2018 in piazza Sant'Oronzo.

LECCE - Per intergrare le risorse che il Comune può mettere a disposizione per la festa di Sant'Oronzo, l'amministrazione cerca sponsor. Un apposito bando a firma della dirigente del settore Attività Produttive, Cultura e Spettacolo, Claudia Branca, è stato pubblicato oggi, con scadenza per le manifestazioni di interesse fissata alle 12 del 29 luglio.

Non è certo un inedito per le amministrazioni comunali: quella di Parma, ad esempio, ha fatto ricorso più volte al bando, per esempio per il Festival Verdi del 2016 e per i festeggiamenti di Capodanno del 2018. "Da tempo - ha commentato il primo cittadino - sappiamo di dover governare seguendo un principio generale: 'fare bene con meno'. In alcune occasioni particolari - come questa - vorremmo riuscire a 'fare meglio con più'. Un ringraziamento anticipato a quanti vorranno sostenerci".

Le sponsorizzazioni, precisa l'avviso, possono essere di tre tipi: finanziarie (in denaro), tecniche (in servizi o forniture) o miste. Chi ambisce a diventare sponsor principale  - ce ne può essere più di uno - deve fare un'offerta del valore di almeno 5mila euro. In cambio è concesso lo spazio per un stand espositivo (4 metri per 3), la possibiltà di sistemare un totem personalizzato e la presenza del logo su tutti i supporti che promuovono le festa. Agli sponsor secondari - previo contributo del valore di almeno mille euro - è data la possibilità di inserire il logo sul materiale promozionale cartaceo . 

Il Comune si riserva la possibilità di valutare le manifestazioni di interesse dal punto di vista del conflitto di interessi e della coerenza dell'attività dello sponsor con i progetti oggetto del contributo. Sono escluse a prescindere le proposte che riguardano attività di propaganda, politica e religiosa prima di tutto, quelle che contengono messaggi offensivi, espressioni di fanatismo, di razzismo e comunque lesive della dignità umana, le pubblicità collegata all'alcol, al tabacco, al materiale pornografico o a sfondo sessuale. Il messaggio dello sponsor, inoltre, non dovrà mai essere predominante rispetto a quello del Comune. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento