Lunedì, 20 Settembre 2021
Politica

La commissione traffico sale in carrozza. E sul filobus si fa politica

Inconsueta sede per la riunione dei consiglieri di maggioranza e opposizione, che questa mattina si sono riuniti sul bus elettrico per discutere, tra una fermata e l'altra, le problematiche relative alla mobilità cittadina

Il presidente della commissione traffico del Comune di Lecce a bordo del filobus

LECCE – L’idea ci poteva pure stare, la commissione traffico del Comune di Lecce che si riunisce questa mattina a bordo del filobus per sfruttare una sede più “dinamica” e discutere sul campo, tra una fermata e l’altra, le problematiche relative alla mobilità cittadina dopo la prima corsa della “metropolitana di superficie” della scorsa settimana.

Ci poteva pure stare, l’idea, se i consiglieri di maggioranza e opposizione della commissione presieduta da Walter Liaci fossero riusciti a risparmiarsi i soliti battibecchi su contrari e favorevoli al filobus cercando, invece, di individuare una strada nuova, possibilmente unitaria e percorribile per migliorare, o definitivamente archiviare, il progetto di trasporto urbano. E invece i partiti non hanno fatto altro che confermare le proprie posizioni, come se questo non fosse arcinoto a tutti da tempo.

4-110-5Io Sud, con la consigliera Francesca Mariano, si è detta favorevole al progetto, “che abbiamo sempre voluto per incidere sul disagio delle poveri sottili, per scoraggiare i cittadini all’utilizzo dell’auto.  Anche se non siamo stati avvertiti dell’inaugurazione della prima corsa – ha detto la consigliera polemizzando – di ho saputo solo dopo su Facebook, va dato atto che reputo positivamente l’iniziativa della commissione traffico che ha questa mattina ha voluto riunirsi sulla carrozza numero 29 del filobus”.

E mentre il filobus lascia la fermata di via XXV Luglio, quella di fronte la Prefettura, la consigliera del Pd Rita Quarta chiede perché il display posizionati nei pressi delle fermate non danno informazioni sugli orari dei filobus e poi perché le associazioni dei disabili e de non vedenti non hanno avuto risposte sul funzionamento della pedana che permette alle persone con difficoltà motoria di salire a bordo del mezzo.

2-240-17“Siamo qui per verificare le criticità di questa linea – ha detto Angelamaria Spagnolo (Pd) – ma ribadendo anche che la responsabilità del ritardo accumulato da progetto è dell’attuale amministrazione: se da una parte fu Poli Bortone ha volere il filobus, dall’altra la mancata messa in funzione ricade su chi oggi governa la città. Quindi, vorremmo sapere se l’assenza del sindaco e della sua giunta all’inaugurazione del filobus combaciano con le dichiarazioni di Paolo Perrone che si è detto pronto a smantellare il progetto se la magistratura dovesse accertare le responsabilità”.

Contrario al filobus Antonio Lamosa, consigliere di maggioranza di “Lecce città del mondo”: “Non vedo l’utilità dell’opera – ha detto – sia economica che pratica, dato che Lecce si percorre a piedi in un’ora. Sono bus che non si riempiranno mai e la città non aveva bisogno di una cosa del genere per risolvere i problemi di viabilità. Non vedo l’ora di scendere…”.

 
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La commissione traffico sale in carrozza. E sul filobus si fa politica

LeccePrima è in caricamento