Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Lecce punta alle destinazioni europee d’eccellenza. Con un guida speciale: Rimini

Firmato a Palazzo Carafa un protocollo d'intesa tra gli undici partner del progetto "Intouract". L'obiettivo è di creare una rete integrata e coordinata di accoglienza, sviluppo e promozione turistica nell'area dell'Europa sud orientale

L'incontro in sala giunta.

LECCE – Un buon maestro, questa volta, il Comune di Lecce lo ha trovato. Quando si parla di turismo la provincia di Rimini è da sempre in prima linea. Come abbiano fatto, lassù in Romagna, ad andare oltre le balere e la piadina resta un mistero, che si può scardinare solo con il riconoscimento di una lungimirante capacità di programmazione e di una collaborazione più o meno pacifica tra tutti i soggetti del comparto, pubblici e privati. Si chiama fare sistema, come i discorsi di fine dei vari presidenti della Repubblica ci ricordano. Provocazioni a parte – l’hinterland riminese è ricco di storia e paesaggi incantevoli – è un bene che a indicare la via sia una provincia che di accoglienza e promozione se ne intende, con risultati che sono gli occhi di tutti

Nell’ambito del progetto europeo “Intouract” – contesto di partenariato per il Sud est europeo - che ha lo scopo di assicurare un approccio integrato allo sviluppo turistico e promuovere non solo le destinazioni principali, ma anche le aree circostanti -, è stato firmato oggi a Lecce un protocollo d’intesa per preparare la candidatura “Eden”, acronimo inglese di destinazioni europee d’eccellenza, progetto che promuove modelli di sviluppo sostenibile nel settore turistico. La selezione delle destinazioni avviene sulla base di concorsi nazionali e si tendono a privilegiare candidature che si caratterizzano per l’impegno verso la sostenibilità sociale, culturale e ambientale. Il premio viene assegnato alle destinazioni europee emergenti perché la principale finalità di “Eden” è decongestionare le aree ad altra concentrazione turistica, creando opportunità di lavoro e di sviluppo in zone meno conosciute.

Hanno partecipato all’incontro di questa mattina a Palazzo Carafa – presieduto da Alessandro Delli Noci, assessore all’Innovazione tecnologica e dal vice sindaco, Carmen Tessitore –  i rappresentanti di tutti i partner di “Intouract”: l’Agenzia regionale per lo sviluppo della Pannonia occidentale (Ungheria), l’Agenzia di coordinamento per lo sviluppo del Lago Balaton (Ungheria), il Comune di Kavala (Grecia), il Business support centre di Kran (Slovenia), il Comune di Blagoevgrad (Bulgaria), le città di Dubrovnik e Glina (Croazia), l’Agenzia per lo sviluppo regionale ed economico di Sarajevo (Bosnia & Herzegovina), la provincia di Campobasso e quella di Rimini (capofila).

Nel pomeriggio di oggi gli ospiti avranno modo di visitare Lecce e a loro Delli Noci ha rivolto l’invito a prendere nota di tutto ciò che non fosse adeguato ad uno standard di buona accoglienza. Domani invece giornata di lavoro e di preparazione della candidatura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecce punta alle destinazioni europee d’eccellenza. Con un guida speciale: Rimini

LeccePrima è in caricamento