Lunedì, 26 Luglio 2021
Politica

Forza Italia incorona Barba: "E' il candidato sindaco"

Gallipoli: nell'ultima riunione di una delle sezioni del partito azzurro arriva l'investitura per il senatore. E già si prevedono già scintille. Giallo sull'adesione di Venneri: assente all'incontro

Anche Vincenzo Barba e la frangia più corposa di Forza Italia di Gallipoli fermano il conto alla rovescia: il tempo è scaduto! Si dia inizio alle danze. E' tempo di dare continuità ad un progetto politico bruscamente interrotto nella primavera scorsa e individuare il candidato sindaco della città. E che nel segno della recente e tribolata continuità, la sezione del partito azzurro di via Tito Minniti ha già individuato nell'ex primo cittadino "uscente", Vincenzo Barba. Anche se in clima carnascialesco, il parlamentino della sezione gallipolina (per altro da tempo commissariata e in attesa perenne del congresso cittadino) non sembra intenzionato a scherzare più di tanto. Per Gallipoli e per il bene dei gallipolini è tempo di rompere indugi e tentennamenti. Così si evince dalla nota conclusiva di resoconto dell'ultima riunione in casa degli azzurri gallipolini che si è svolta il 26 gennaio scorso, appena un paio di giorni dopo la caduta del governo Prodi. La sezione, senza troppi giri di parole, ha già sentenziato la nuova investitura del senatore Vincenzo Barba quale candidato sindaco della città bella. Niente di nuovo sotto il sole al di là delle dinamiche interne al partito azzurro che ancora in attesa di un congresso cittadino "chiarificatore", sembra già aver definito programmi e strategie. Con o senza il supporto degli alleati storici. Forza Italia che nell'attesa della definizione localistica del nuovo soggetto politico del Popolo delle Libertà e senza attendere una schiarita nella fumosa battaglia nazionale sulle elezioni anticipate e quindi il nuovo scacchiere dei candidati per la Camera e il Senato, fa un salto in avanti e punta dritta alla conquista di Palazzo Balsamo e del Comune di Gallipoli.

E da quanto si legge dalla nota sezionale si sarebbe definito anche un "riavvicinamento" tra lo stesso senatore Barba e l'ex sindaco Giuseppe Venneri che seppur assente nell'incontro della scorsa settimana, sarebbe in "totale sintonia con il resto dell'assemblea". Ovvero alla ricandidatura di Barba alla guida di Palazzo Balsamo. Non pervenute invece adesioni di uguale indirizzo dall'ex coordinatore cittadino Giuseppe Coppola e dagli altri dissidenti. Così come dai vertici provinciali e regionali (ovviamente impegnati da vicino a seguire l'evolversi della crisi del Governo nazionale) di Fi, non ci sono ancora conferme o smentite di rito. Di certo c'è che come sempre sostenuto dallo stesso Barba, se intorno a lui "c'è condivisione", non è certo tipo da tirarsi indietro dalla contesa e dalla prossima campagna elettorale. Tanto per l'elezione a sindaco, quanto per la riconferma a senatore. Di seguito la nota integrale della sezione di Forza Italia di Gallipoli:

"Al termine dell'ultima riunione svoltasi sabato 26 gennaio u.s. in una delle locali sezioni gallipoline del partito, sita in Via Tito Minniti, il Parlamentino cittadino di Forza Italia, all'unanimità e con grande entusiasmo e spirito propositivo finalizzato al bene della città di Gallipoli, nel segno della continuità amministrativa, ha chiesto al senatore Vincenzo Barba la disponibilità a candidarsi a sindaco della Perla della Jonio. Alla riunione, presieduta dal senatore Vincenzo Barba, hanno preso parte, tra gli altri: il dott. Di Mattina, già capogruppo di Forza Italia al Comune di Gallipoli; il prof. De Matteis; il sig. Scigliuzzo; il dott. Picciolo; il sig. Scorrano; il dott. Murra; il rag. Buccarella; l'avv. Scialpi; il rag. Piccinno; l'avv. Barba; il sig. Melgiovanni; il dott. Perruccio; il dott. Liaci. L'unico assente, per motivi professionali, era il dott. Venneri, in totale sintonia con il resto dell'assemblea". A seguire le dichiarazioni degli iscritti:


"Il partito - dice Salvatore Di Mattina - in un momento fondamentale della politica cittadina, un momento in cui ha inizio lo sprint finale per presentare le candidature e stendere i programmi in occasione delle elezioni amministrative di primavera che restituiranno un sindaco alla nostra città dopo quasi un anno di commissariamento, con una lodevole compattezza e con una granitica concordia ha voluto individuare nella persona di Vincenzo Barba il candidato naturale per rilanciare la Perla dello Jonio. Innanzitutto - prosegue Di Mattina - c'è da portare a termine un grande progetto politico che si è interrotto solo e soltanto a causa di una congiura di palazzo lontana dalla volontà e dalla sensibilità dei cittadini, una congiura voluta dalla espressa cattiva volontà di qualcuno che ha danneggiato Gallipoli. Vincenzo Barba è un grande imprenditore, un manager competente, un uomo sensibile, un politico di esperienza. Vincenzo Barba è il candidato ideale che il Parlamentino cittadino di Forza Italia propone a Gallipoli, ai gallipolini e agli alleati politici per far tornare a risplendere la luce della pubblica amministrazione in riva allo Jonio, senza ricatti, soprusi e diversi condizionamenti".

"La nostra richiesta di disponibilità al Senatore Barba è un atto di responsabilità - aggiunge Giovanni De Matteis, ex assessore della giunta Barba - nei confronti della nostra comunità, poiché, quella di Barba è la candidatura più giusta per riprendere un cammino interrotto. Vincenzo Barba è l'unico che in termini di energie, competenze e amore disinteressato per la nostra città, può far compiere un passo in avanti alla nostra Gallipoli".

"Sono certo - incalza l'ex consigliere Piccinno - che il Senatore Barba verrà incontro alla nostra richiesta e darà la sua disponibilità a candidarsi come Primo cittadino. Glielo chiede l'intera città che noi ci onoriamo di rappresentare in una sua fetta significativa e importante, convinti come siamo che gli elettori premieranno il nostro partito per il senso di responsabilità che ha sempre saputo dimostrare e per la coesione che ha manifestato anche nei momenti difficili"

"Chi altri se non Vincenzo Barba? - Si domanda l'ex assessore Emanuele Liaci - noi proponiamo una candidatura che a quanto sentiamo dire dai nostri concittadini è quasi doverosa, per non dire scontata. Conosciamo bene gli impegni di Vincenzo Barba, ma conosciamo ancor di più il suo amore per Gallipoli. Sono certo che il Senatore non potrà e non saprà dire di no alla sua città, che gli chiede di mettere a disposizione del bene comune le sue dote di grande manager e di grande amministratore".

"Siamo sempre in attesa del congresso cittadino - conclude il sig. Melgiovanni - che farà luce su alcuni recenti episodi in maniera chiara e indelebile. Ma ora è tempo di mettere da parte le piccole questioni interne e di non guardare a qualche neo che pur ci ha riguardato. Adesso la città ci chiede un atto di responsabilità. E la nostra risposta a questa domanda si chiama Vincenzo Barba, una risposta limpida, palese, trasparente e generosa. Siamo certi che il Senatore Barba accoglierà la nostra richiesta che è a tutti gli effetti da intendersi come una richiesta salva-Gallipoli.".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Italia incorona Barba: "E' il candidato sindaco"

LeccePrima è in caricamento