Politica

Gestione Livello 11/8, Dell'Anna affida al suo curriculim la replica al sindaco Zacheo

Il direttore artistico della Casa della musica risponde in maniera inusuale al duro attacco di ieri del primo cittadino di Campi. Snocciolando un curriculum monumentale, fatto di produzioni, collaborazioni nazionali e internazionali, festival in giro per il mondo e discografia con mostri sacri

TREPUZZI – “Due inutili parole, chiacchiere fuori ordinanza”. Inizia così la risposta di Cesare Dell’Anna, direttore artistico del Livello 11/8, al sindaco di Campi Salentina, Egidio Zacheo. Inizia e finisce così, per la verità, perché invece di inviare una replica, l’artista salentino, che ricorda di vivere “orgogliosamente a Surbo, Nord Salento, dove cresce figli e pensieri di irregolare poesia”, lascia parlare il suo curriculum. Pagine e pagine di curriculum. Un curriculum monumentale, fatto di produzioni, collaborazioni nazionali e internazionali, festival in giro per il mondo, discografia accanto a mostri sacri della musica e recensioni. 

E’ in questo modo inusuale, quasi a far valere il peso della sua esperienza e della maturazione artistica, che risponde a chi ha aspramente criticato la gestione del locale ritenendola incompatibile con gli obiettivi segnati dal programma “Bollenti spiriti”. Una presa di posizione talmente netta, quella di Zacheo, da minacciare persino l’uscita della sua amministrazione dall’Unione dei Comuni del Nord Salento.

A dire del primo cittadino campiota, poco sarebbe rimasto oggi del progetto iniziale, la Casa della musica e della cultura nel Nord Salento. “La struttura a disposizione dei nostri giovani, artisti e appassionati, di fatto ha lasciato il posto a una discoteca vera e propria a gestione totalmente privata e con finalità estranee a quelle della nostra Unione dei Comuni”.  

E’ facile intuire che Dell’Anna l’abbia presa molto male. Un attacco diretto alla sua reputazione. Un modo che potrebbe apparire quasi sarcastico di rispondere. Quasi a dire: "Non ho bisogno di repliche, parla la mia vita". E così, invece di usare la dialettica politica, preferisce andare sul concreto e ricordare tutto il suo percorso, fin dagli albori, menzionando le sue origini in una famiglia di musicisti bandisti per generazioni, “tanto che a soli sette anni suona già la tromba nei complessi bandistici pugliesi, storici nella tradizione musicale del Sud Italia: Surbo, San Donaci, Squinzano, Lecce, Coversano eccetera”. 

Cesare Dell'Anna, tutta l'opera

E poi, diploma presso il conservatorio statale di musica di Lecce e successivamente, perfezionamento presso l’accademia musicale pescarese sotto la guida del maestro Sandro Verzari. E ancora: corsi di perfezionamento per strumenti a ottone, e, a 18 anni, il posto di prima tromba nella fanfara dei carabinieri di Napoli e per due mesi nella banda principale dei carabinieri a Roma. Laurea con 100 centesimi presso l’accademia di alto perfezionamento classico di Pescara, collaborazione stabile con l’orchestra lirico-sinfonica della Provincia di Lecce dal 1987 e con altre orchestre di musica da camera, ensemble di musica barocca, rinascimentale, contemporanea e jazz. 

“Il percorso musicale è caratterizzato da una costante e insaziabile voglia di confronto e arricchimento culturale con artisti di altre etnie”, scrive ancora Dell’Anna di se stesso. “Tra queste spicca Miloud Oukjli, famoso clown franco-algerino, fondatore della famosa fondazione Parada, che ha raccolto dalle note fogne di Bucarest numerosi ragazzi, salvandoli e facendoli diventare artisti e occupandosi del loro trasferimento in Italia con finalità di studio, avendo come riferimento e sede la casa di Cesare Dell’Anna”.

“La stima e il rispetto vengono testimoniate anche nel film “Pa-Ra-Da” del 2008 del regista Marco Pontecorvo. Un’altra collaborazione di rilievo – ricorda - è quella con Esma Redzepova, indiscussa regina della cultura gipsy, alla quale si riconosce a livello globale l’umanità per aver adottato più di cinquanta bambini in seguito alle guerre nei paesi balcanici”.

Innumerevoli le collaborazioni. Per esempio: Caparezza, Negramaro, Mark Stewart (Usa), Bryce Dressaer (Usa), Boban Markovic (Serbia), Frank London (New York), Yasko Argirof (Bulgaria), Goran Bregovic (Serbia), Admir Skurtay (Albania), Ekland e Redi Hasa (Albania), Ezezi (storico gruppo degli operai dell’Alfa Romeo di Pomigliano D’Arco prodotti da Peter Gabriel), Alessandra Pomarico, Orchestra Jazz AMJ Puglia, Quimi Portet (Catalogna), Marian Serban (Romania), George Stiepovic (Serbia), Meridiana Jazz Orchestra, Roberto Ottaviano, Pino Minafra, Fabrice Martines e Ursula Knudson (Los Angeles), Enzo Avitabile, Vittorino Curci, Mauro Tre, David Cossin, Nicola Conte, Rosalia De Souza, Sud Sound System, Enrico Rava, Paolo Fresu, Raffaele Casarano. 

Ad oggi collabora e produce discografia con Terrey Riley, (Usa) inventore del minimalismo mondiale, il newyorkese Adam Holtzman (già musicista di Miles Davis nell’album “Tutu”) nell’album “My Miles” (omaggio al grande maestro). In Italia coltiva una forte affinità artistica con il pugliese Gianluca Petrella, uno dei migliori trombonisti al mondo, con il quale ha appena finito di registrare un nuovo lavoro ispirato alla terra e alle tradizioni salentine dal titolo “Tarantavirus Jazz Night” in cui compaiono grandi talenti della scena jazz tra i quali: Zeno De Rossi, Fabrizio Puglisi, Giovanni Guidi (pianista di Enrico Rava), Roberto Ottaviano (docente di sax e jazz al conservatorio statale di Bari), Marco Bardoscia, Gianfranco Salvatore (professore di “Storia del jazz” all’università del Salento), Enza Pagliara (voce della “Notte della Taranta”), Rocco Nigro, Rachele Andrioli, Daddy G (membro del gruppo londinese Massive Attack).

Fra le specialità: classica, ma anche sperimentazione jazz e di ricerca tecnico - armonica nel campo della musica elettronica e popolare, con particolare attenzione all’area balcanica, praticando un’intensa attività concertistica in Italia e in Europa. 

Ha partecipato a vari festival: Sziget Festival (Budapest), tournée in Spagna, Germania, Inghilterra, Stati Uniti (teatro dell’accademia di Berkeley, Los Angeles, New York, San Diego, San Francisco ecc), Albania, Croazia, Grecia, Bulgaria, Svizzera.

In Italia si è esibito a Villa Ada di Roma, al Blue note di Milano, al Blue Note di Campobasso, all’Hiroshima Mon Amour di Torino, all’Arezzo Wave, alla Fiera del Libro di Torino, al Festival di Sant’Arcangelo di Romagna, al Festival internazionale “Time in Jazz” in Sardegna ospite di Paolo Fresu, al Sound Res (Lecce, in collaborazione con la Provincia di Lecce e la regione Puglia), al Festival del cinema di Venezia con ottimi risultati e critiche per il film di Pinuccio Lovero  “Sogno di una morte di mezza estate”, regia di Pippo Mezzapesa, collabora con Edoardo Winspeare anche in qualità di attore.

Ha suonato stabilmente come solista con il “Quintetto X”, con Paolo Achenza trio, Intensive jazz Sextet, Folkabbestia (per i quali ha composto e registrato diversi brani musicali), Mau Mau (per i quali ha curato parte della produzione e degli arrangiamenti del disco “Dea”). Ha poi partecipato come musicista solista in spettacoli teatrali: Compagnia della Valdoca (Cesare Ronconi - Cesena), Compagnia Astragali, Teatro degli Impraticabili, Teatro Anteo (Lecce), Teatro Koreja (Lecce), Balletto di teatro Danza di Barbara Toma CRT (Milano). 

Nel 1996 insieme ad altri artisti (pittori, scultori e musicisti) da vita alla casa/laboratorio Albania Hotel, nella campagna Salentina, di cui è produttore artistico, con l’intento di valorizzare e veicolare l’arte in tutte le sue espressioni. Promuove il progetto di rivalutazione del concetto bandistico con GirodiBanda, che segue l’intento di attualizzare la musica popolare intesa in senso stretto, passando dalla musica bandistica alla musica tradizionale salentina, fino ad arrivare a quella popolare e a quella balkan. Partecipa al progetto Enzo Petrachi, figlio del celebre Bruno e istituzione della musica folk salentina, con cui GirodiBanda si esibisce, tra l’altro,a ”La Notte della Taranta”, alla festa patronale di Sant’Oronzo a Lecce, al festival internazionale “Talos” di Ruvo di Puglia e tante altre feste patronali del Sud Italia.

Nel 2005 fonda la 11/8 Records, che si occupa di promuovere e produrre progetti. All’attivo ha la produzione del quarto disco di Opa Cupa e quelli di Tax Free, Zina, Tarantavirus, Opa Cupa Remix, DN3, My Miles. Due degli ultimi dischi, “Afreeque” di Zina e l’omonimo disco di Opa Cupa, vedono la partecipazione e l’integrazione di diversi immigrati di diverse etnie collaborare con i musicisti salentini e vengono devoluti ad Emergency parte degli introiti di questi due album come da accordi presi con la segreteria di Gino Strada all’ospedale di Emergency a Palermo ed un’altra sede pediatrica del Sudan. 

Nel 2012 viene creato “Mercato Nero”, un’operazione culturale, artistica ed umanitaria che puntava a togliere dalle mani degli extracomunitari che viaggiavano nelle strade salentine i cd masterizzati illegalmente. Proprio con alcuni di questi ragazzi sono stati prodotti numerosi dischi che venivano poi venduti per strada con regolari bollini Siae e ricevute a norma di legge.Iniziativa citata e apprezzata dalla rivista “Max” nell’ottobre 2012, che ne sottolinea la valenza artistica e umanitaria.

Con il progetto musicale Zina, torna a collaborare con i più grossi studi cinematografici di animazione giapponese. In collaborazione con OnePeace Sound Design ha arrangiato la famosa colonna sonora di un lungometraggio di Ghibli Studio: “Laputa castello nel cielo”. Ghibli Studio è il noto studio cinematografico d’animazione giapponese, equivalente asiatico della Disney, fondato dal regista Hayao Miyazaki, già autore di Heidi, Conan il ragazzo del futuro, Anna dai capelli rossi. La colonna sonora di “Laputa castello nel cielo” è stata inserita in una raccolta di pezzi arrangiati da gruppi di tutto il mondo selezionati direttamente dalla produzione e su loro stessa iniziativa: “One in a Million”, distribuito da Happinet Corporation 2008.

Successivamente, in pubblicazione nel 2010, ha lavorato per l’arrangiamento della colonna sonora di “Gundam il Guerriero” di Yoshiyuki Tomino per la “Mobile Suit Gundam”, prodotta dalla Sunrise. L’opera, realizzata sotto forma di medley della colonna sonora giapponese di Takeo Watanabe, è risuonata in stile Zina ed è realizzata per festeggiare il compimento dei 30 anni del leggendario robot che ha milioni di fan in tutto il mondo. Il rapporto lavorativo con l’universo asiatico continua tuttora grazie all’Aves Entertainment di Tokyo e la Cube Inc, la quale ha pubblicato un dvd, “Panya Bunroku no shian”, in cui compaiono le musiche del progetto Tarantavirus, eseguite anche in venti serate di fila in teatro a Tokyo. Anche la distribuzione e le vendite della musica di Dell’Anna, numericamente superiori a quelle riscontrate persino in Europa, confermano il forte legame con il mercato e la cultura nipponica. 

Anche gli Stati Uniti mostrano interesse, come nel programma televisivo “On The Road”, il format che è andato in onda su Sky Arte HD a cura di Joe Bastianich, uno dei personaggi televisivi più seguiti nel mondo grazie al programma “Masterchef”. Nella nuova produzione il cuoco era alle prese con una serie di documentari in cui si è tuffato alla scoperta della musica tradizionale, dei costumi delle regioni italiane e della vita popolare. Nel viaggio pugliese Bastianich ha incontrato numerosi artisti tra cui il trombettista Cesare Dell’Anna. Oltre alla collaborazione con Joe Bastianich, il mondo statunitense e quello salentino incrociano i loro percorsi grazie ad un brano del progetto Tarantavirus inserito nello spot pubblicitario di presentazione dell’edizione limitata di Moleskine, presentato a New York e Los Angeles.

Anche il panorama artistico europeo nel corso degli anni si è mostrato entusiasta nei confronti delle produzioni discografiche di Dell’Anna. Tra le innumerevoli collaborazioni e produzioni musicali avviate si ricordano ad esempio la produzione di due dischi per la Radio Televisione Tedesca Nazionale sui quali compaiono foto e nome in copertina, numerosi brani inseriti in svariate compilation prodotte in Gran Bretagna, Francia, Germania, Giappone. Innumerevoli anche le partecipazioni a programmi televisivi e radiofonici. “On The Road”, prodotto da Rai Tre, varie interviste in Svizzera e Usa, Caterpillar, Radio Fahrenheit della Rai, Radio Popolare di Milano, Rai Stereo 2, intervista ed esibizione live per Radio Tre in occasione della “Fiera del Libro” di Torino.

Tra le ultime esperienze c’è la realizzazione di musiche per il mondo dello spettacolo e oltre a quelli già citati, vanno menzionati: “Cratta”, un cortometraggio di Fausto Romano pubblicato nel settembre 2014 con musiche di Opa Cupa, e i nuovi film di Alessandro Piva (già autore di “La capa gira”). Le musiche vengono utilizzate per le colonne sonore degli spot pubblicitari: Toyota, Fiorucci, Cokka Jeans, Q tel, Gazzetta dello Sport, Swiffer, Mercedes, Gatorade, Play Station, Rabarbaro Zucca (in collaborazione con il circo Orfei).

Le musiche compaiono anche nel film “Natale in casa Dee Jay” prodotto da Radio Dee Jay (con la regia di Lorenzo Bassano), “444 Magnum” (regia di Lorenzo Bassano), “I fratelli semaforo” del 2003, “Tonino Funtò”, “Liturgia della bancarella” del 2004 di Simone Salvemini, “La fuga del Gorilla” del 2005 di Carlo Sigon; “Frankie Facciatosta e i tre trulli” , “Turturro, Stallone, Mantegna: le origini” del 2006 di Gianni Torres. Tanti i documentari sui centri di prima accoglienza del Salento: “Were we go” di Paolo Pisanelli 2000, Piero Cannizzaro per RAI 3 “Salento” (Geo & Geo - 2001) “La Notte della Taranta” 2002, Sophie Chiarello “Ficarigna” 2001.

Tra le ultime iniziative: i corsi di musica nei carceri di massima sicurezza di Prato (Toscana) e Hunt Verpem in Belgio. A Dell’Anna è stata richiesta inoltre la partecipazione per tenere corsi di musica nel carcere di Lecce nel 2015. Sono state tenute inoltre lezioni di musica gratuite a ragazzi provenienti da famiglie poco abbienti e a portatori di handicap. Inoltre è stata appena avviata una collaborazione con l’Accademia delle Belle arti di Lecce alle quali sono state donate le musiche per promuovere, insieme ai docenti, i lavori dei giovani iscritti alla facoltà dell’Università del Salento.

La sua attività quotidiana lo vede continuamente impegnato nelle attività di arrangiatore, compositore e produttore discografico di brani con artisti internazionali ed un occhio di particolare riguardo alle realtà emergenti salentine.

Partecipa alla realizzazione di festival e rassegne musicali in qualità di direttore artistico e di ideatore, per “Capodanno multietnico” a Lecce; Percorsi d’Estate’99; Sannicola (Lecce) - Festival Internazionali di Bande tradizionali; Festival “Negramaro” evento nelle cave di Cursi (Lecce) 2002; “Notte della Taranta” evento a Galatina (Lecce) 2005; “Tarantavirus” Cutrofiano (Lecce) 2005, progetto presentato in anteprima assoluta  al Festival della Notte della Taranta 2003, direzione artistica Joe Zawinul, “Tarantavirus 2006”, “Livello 11/8 – chi vuol intendere… inTenda” – prima e seconda edizione, Lecce 2007 e 2008, “GirodiBanda” – La Notte della Taranta – Galatina (Lecce) 2007.

Attualmente cura la direzione artistica della nuova Casa della Musica “Livello UndiciOttavi, nata nella periferia di Trepuzzi progetto in collaborazione con Regione Puglia, assessorato alle politiche giovanili, Provincia di Lecce titolare dello stabile e Unione dei Comuni del Nord Salento. Un contenitore polifunzionale di 2mila metri quadri, ricorda, dedicato alla ricerca e alla sperimentazione artistica e in grado di accogliere spettacoli live, grandi eventi, corsi, stage, performance, installazioni e laboratori artistici grazie anche alla presenza di sale prova attrezzate, studi di registrazione e produzione. 

Contemporaneamente svolge l’attività di direttore artistico di eventi e festival organizzando personalmente i concerti di: Public Enemy (Usa, unica data in Italia), Caparezza (residenza artistica e allestimento nuovo tour europeo più concerto), Festival del cinema europeo di Lecce, Uri Caine (Usa), Neffa, Raphael Gualazzi, Afterhours, Enrico Rava 5tet, Gianluca Petrella in varie formazioni, Paolo Fresu, Locomotive Jazz Festival (con Gaetano Curreri degli Stadio, Paolo Fresu e special guest Giuliano Sangiorgi dei Negramaro), Fabri Fibra, Area, Claudio Santamaria & Jazz All Stars, Samuel & Boosta (Subsonica), Daniele Silvestri, Afrika Bambataa (Usa), Gogol Bordello (Usa), Busta Rhymes (Usa), Simona Molinari, Goblin, Dean Bowman, Sizzla (Jam), Don Letts (Uk), The Zen Circus, Capleton (Jam), Peetah Morgan (Jam), Mr. Lexx (Jam), Dj Falcon (Usa), Daft Punk) e altri.

Oltre 300 opere depositate presso la Siae. Nel corso degli anni, recensioni da Acid Jazz, Max, XL di Repubblica, Songline, Repubblica, Repubblica Musica, Coolclub, Rockerilla, Carta, Musica Jazz, New Age, Corriere della Sera, Music on, Tarantula Rubra, e numerose recensioni e interviste per le riviste specializzate giapponesi per i lavori di cui sopra.

Copia di livello_esterno-2-2-2-2-2Alcuni dei lavori discografici: “Musica Sacra” - Ed. Paoline, “Ombre” – Paolo Achenza Trio – Rd. Schema record, Milano, “Today’s Sound” – Intensive Jazz Sextet – Ed. Schema Record, Milano, “Breve saggio filosofico sul senso della vita” – Folkabbestia – Ed. Fab, “Groove espresso” - Ed. EMI Rec., ”Tecnopizzica” - Cesare Dell’Anna, Pietro Fumarola (Sociologia nell’Università del Salento) e il compianto George Lapassade (Università di Parigi) – 1999, “Live in Contrada Tangano” – Opa Cupa – Ed. Sottosuono distribuito della rivista specializzata “World Music” (2001) “Circo Inferno Cabaret” – Santarcangelo dei Teatri – Il Manifesto, titolare di copertina Cesare Dell’Anna (2001), “Meridiana Jazz Orchestra” – ICO Bari (2003), “Jentu” Nidi D’Arac – V2 Records (2003), Sud Sound System 2001 – V2 rec., Sud Sound System 2002 – V2 rec. , Sud Sound System 2004 – V2 rec., “Acqua pe sta terra” Sud Sound System – V2 rec. (2005), Negramaro 2003 – prod. RCA rec., “Lontano” Sud Sound Sistem 2003-V2 Records, “Pizzica elettronica” – 2003 Università di Lecce, “Core” Tax Free 2003 – 11/8 Records , “St. Rocco’s Rave” Nidi D’Arac – 2005, “Zina” Zina  2005 - 11/8 Records, “AlbaniaHotel” Opa Cupa – 2005 – 11/8 Records, “Sound Res” Negroamaro -  2005, “Mara L’Acqua” Uccio Aloisi – 2006 – Venus Distr., “Opa Cupa Remix” Cesare Dell’Anna – 2006 11/8 Records, “ Tarantavirus” Cesare Dell’Anna – 2006  - 11/8 Records, con relativi remix in vinili a cura di Dj Ralf, Dario Lotti, Guido Nemola, Cristian Carpentieri, Pasta Boys ecc., “DD3 live” DD3 -  2006 – 11/8 Records, “Dea” Mau Mau – 2006 – Mescal / EMI, “Tribù Italiche”- 2007 – World Music, “Cesare Dell’Anna in My Miles” – 2007 – 11/8 Records, “GirodiBanda” – 2008 – 11/8 Records/Felmay, Mauro Petri - Volo (2009) - 11/8 Records, “Cesare Dell’Anna – Tarantavirus” “Lu_Ragno arricchito” – 2009 11/8 Records, Zina - Afreeque (2009) in collaborazione con emergency a sostegno dell’ Ospedale Pediatrico in Sudan, “Opa Cupa – Centro di Permanenza Temporanea” – 2009 11/8 Records - a sostegno di Emergency per l’Ospedale pediatrico di Palermo, Roberta Carrieri - “Dico a tutti così” (2009) - Ed. Ex-Beat/Goodfellas, “Il Santuario della Pazienza” – Mentaly Doof – 2010 - 11/8 Records, Insitesi  - “Salento in Dub” – 2010, Transalento (2011), “Baye fall”  - immigration (2012), Muffx - “Epoque” (2012) - Ill Sun Records & Lobello Records, Alf (Animal Liberation Front) - “Tutti i sogni sono uno” (2012) - 11/8 Records, DN3 - And (2013) - Irma Records, Mery Fiore - Teel Me (arrangiamenti e registrazione, vincitore del festival “Arezzo Wave 2014”), Sud Sound System - Sta Tornu (2014), Enzo Petrachi - Inno Lecce Calcio (2014), C. Dell’Anna, L. Bruno, E.Petrachi - La Sigaretta Elettrica (2014) - Ed. 11/8 Records, C. Dell’Anna & GirodiBanda - Bolero di Aradeo (Bolero Pizzicato) - 2014 - Ed. 11/8 Records, Salento All Stars - “Lu sule, lu mare, lu ientu” (2014). Distribuzione in tutto il mondo dalla Felmay di Torino.

Compilation: “One in a Million” Happinet/One Peace Music – Giappone, Petrol Records - Australia,  Sangennarobar 2008, Glam House, Balkan Fever - Francia, La Bolschevita - Germania, Tribù Italiche 2006 World Music, Good Mood Music – Germania, Universal Music Australia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione Livello 11/8, Dell'Anna affida al suo curriculim la replica al sindaco Zacheo

LeccePrima è in caricamento