Gestione Terme, per il Tar il Comune si contraddice e perde due ricorsi

Sono occorse ben due pronunce, entrambe di rigetto, per dirimere il contenzioso fra il Comune di Santa Cesarea Terme da un lato, e la Terme di Santa Cesarea Spa e la Regione Puglia dall'altro. L'amministrazione pretendeva una posizione di privilegio rispetto ad altri partecipanti

LECCE - “Il Comune non può pretendere che gli venga riconosciuta una posizione di privilegio rispetto ad altri partecipanti” quando si tratti di “attività di produzione di beni e servizi non strettamente necessarie per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali”. Sarebbe in contrasto rispetto alle norme del trattato della Comunità europea, nello specifico l’articolo 42.

Sono occorse ben due pronunce, entrambe di rigetto, per dirimere il contenzioso fra il Comune di Santa Cesarea Terme da un lato, e la Terme di Santa Cesarea Spa e la Regione Puglia dall’altro. L'amministrazione, infatti, aveva ricorso prima contro il bando di gara regionale per l’affidamento in concessione dello sfruttamento di acque termali e, in seguito, contro l’aggiudicazione in favore della società, sostenendo di essere titolare, di una posizione di privilegio, basandosi sulla legge regionale 44/1975, che gli avrebbe consentito di ottenere l’affidamento della concessione.

Ma la Regione, nel pubblicare il bando, aveva dato effetto a una precedente sentenza del Consiglio di Stato sopraggiunta in seguito a un altro ricorso in cui era stato impugnato il rinnovo automatico della concessione in favore della Terme di Santa Cesarea Spa. In quell’occasione, proprio il Comune aveva sostenuto la necessità dell’indizione di una gara pubblica, secondo i principi del diritto comunitario, che consentisse la partecipazione di altri imprenditori, fossero locali o di fuori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Tar Lecce, con due pronunce della prima sezione, ha respinto i due ricorsi presentati dal Comune, sottolineando, anzitutto, il carattere contraddittorio delle tesi dell'amministrazione, che dapprima aveva richiesto l’indizione di una gara pubblica, e in un secondo momento aveva preteso di essere aggiudicatario, in ragione di un privilegio contrastante con il diritto nazionale e quello comunitario. Il Comune era difeso dall’avvocato Silvestro Lazzari, la società dall’avvocato Ernesto Sticchi Damiani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento