Politica Gallipoli

Giunta Venneri, si naviga a vista. Ritorna Casavecchia?

Il neo sindaco non scioglierà le riserve prima della prossima settimana. L'ex assessore alla Cultura sarebbe un gradito ritorno. Tra le ipotesi anche Negro, Giuseppe Barba, Perruccio, Liaci e Martello

Venneri e Barba durante l'inaugurazione del mercato ittico

L'unica certezza al momento è la proclamazione del primo cittadino avvenuta alle 18.35 di lunedì pomeriggio. Giuseppe Venneri torna sullo scranno più alto di Palazzo Balsamo, imbraccia la fascia tricolore e si appresta alla sua prima uscita pubblica alla Fiera del Levante per la festa del 1° Maggio. Per il resto si dovrà attendere ancora qualche giorno per sciogliere le riserve sull'assetto della nuova squadra di governo gallipolina. "Per quanto riguarda la prossima Giunta", dice in merito Venneri, "è un discorso ancora prematuro che non è stato affrontato nello specifico per via di una campagna elettorale estenuante ed impegnativa. Ma si può dire sin d'ora che si guarderà con molta attenzione alle liste che mi hanno lealmente sostenuto in questa campagna elettorale". E così sarà a quanto è dato di sapere. Il neo sindaco è alquanto abbottonato in merito, e di certo dovrà tenere conto anche del fatto che in particolar modo la compagine del Pdl e dell'amico Vincenzo Barba puntano decisamente a blindare il prossimo Consiglio comunale con uomini di estrema fiducia e affidabilità politica. Potrebbe così accadere che il potenziale posto in Giunta da distribuire magari con il criterio dell'avanzamento dei consiglieri più suffragati, non possa essere seguito, per così dire, alla lettera.

Per i partiti della maggioranza sarebbe decisamente più proficuo mantenere le postazioni dell'assise cittadina già conquistate con Antonio Barba, Salvatore Di Mattina (potenziale capogruppo), Enzo Benvenga, Luca Murra, Alessandro Buccarella, Emilio Picciolo, Emanuele Liaci e Francesco Fedele per il Pdl e Cosimo Giungato, Stefania Oltremarini, Luigi Caiffa e Concetto Scariolo per la civica "Con Venneri sindaco" senza alterarne la formazione di partenza. Della serie: quei consiglieri non si muovono. O giù di lì. Il deputato azzurro Vincenzo Barba sa di poter contare sull'affidabilità dichiarata e manifesta di Antonio Barba (che potrebbe lasciare il ruolo di vicesindaco in pectore appannaggio dell'ex presidente del Consiglio comunale Giuseppe Perruccio anche se su questa scelta pesano non poco gli impegni fuori sede del diretto interessato), di Salvatore Di Mattina già capogruppo di Forza Italia, del decano Enzo Benvenga, di Salvatore Buccarella e Luca Murra. Così come l'asse Venneri-Barba potrebbe optare di lasciare in Consiglio i già rodati Emilio Picciolo, Emanuele Liaci e Francesco Fedele con le new entry Cosimo Giungato (possibile capogruppo della civica), Stefania Oltremarini, Luigi Caiffa e Concetto Scariolo. Per l'ex assessore al Commercio, Liaci, però si potrebbe valutare un suo coinvolgimento nell'esecutivo mentre l'esigenza di visibilità della lista civica di Venneri potrebbe essere contemperata con una scelta discrezionale e di fiducia che rientra nelle prerogative del sindaco. Di nomi certi per ora non se ne fanno. Ma sulla base del nostro ragionamento, tutto questo aprirebbe le porte della sala giunta anche ai primi dei non eletti del Pdl, Antonio Negro (già assessore al Bilancio del primo governo Venneri) e a Giuseppe Barba.


Ma il primo nome già circolato con insistenza e fuori dalle liste di sostegno è stato quello dell'ex assessore alla Cultura, Centro storico e Pubblica Istruzione, Gabriella Casavecchia (subentrata nel 2003 a Elio Pindinelli), considerata dai più un "gradito" ritorno. Così come dei sette assessori potrebbe fare parte Fabrizio Martello, dell'asse della Dc di Enzo Benvenga, mentre quest'ultimo potrebbe concorrere con Luca Murra a ricoprire la nomination di parte per la carica di Presidente del Consiglio comunale. E che dire invece se proprio sulla figura più prestigiosa dell'assise maggioranza e opposizione dovessero convergere su una figura di garanzia quale potrebbe essere quella dell'ormai ex candidato sindaco, Gino Schirosi? Valutazioni premature senza dubbio. Si vedrà strada facendo. Per ora sembrano comunque tramontate le ipotesi di ritorni eccellenti a Palazzo Balsamo quali quelli di Alessandra Pizzi e Walter Colazzo, mentre resta in piedi quella di un altro ex assessore della giunta Barba, Giovanni De Matteis. Tra le poche certezze invece la conferma del "delfino" di Giuseppe Venneri nello staff del sindaco: Davide Tuccio sarà ancora una volta il portavoce del primo cittadino di Gallipoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta Venneri, si naviga a vista. Ritorna Casavecchia?

LeccePrima è in caricamento