Guerra della sabbia: "Basta con i rinvii della Regione"

Adriana Poli Bortone, vice sindaco di Lecce con delega alle Marine, scuote il Palazzo di via Capruzzi: "Inaccettabile il ritardo sul Piano regionale delle coste. Ora saremo noi a raccogliere le firme"

La "guerra" della sabbia tra Lecce e Brindisi non si ferma. Anche d'inverno. Anzi, potrebbe inasprirsi soprattutto in questo periodo, se Regione Puglia e Comune di Brindisi continuassero a fare orecchie da mercante sul pressing da parte di Palazzo Carafa che vuole conoscere invece, senza altri rinvii, su quali fondali pugliesi andare a recuperare sabbia da trasportare nei litorali ormai striminziti delle marine leccesi.

E Adriana Poli Bortone, vice sindaco di Lecce con delega, anche, alle Marine, oggi tuona e in un incontro con la stampa fa sapere che "se si tratta di raccogliere firme, i salentini veraci non si tireranno certo indietro. Anche perché - aggiunge - la maggior parte di firme raccolte a Brindisi contro il ripascimento della sabbia per i lidi leccesi, erano sottoscrizioni lasciate da turisti che delle reali problematiche della costa conoscono ben poco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
"Ma la questione vera è un'altra - spiega il vice sindaco - ed tutta nelle disattese della Regione Puglia: lo scorso 30 ottobre l'università di Bari avrebbe dovuto consegnare all'assessore regionale Minervini il Piano regionale delle coste, la mappa dei giacimenti di sabbia che indica dove andare a recuperarla. E tutto questo nel rispetto della decisione assunta dal Tar. E poi c'è di mezzo un'altra assurdità - continua - un impedimento strutturale che impedisce di fatto alle ditte preposte al ripascimento di raccogliere sabbia dai fondali: sempre secondo la Regione, le draghe non potrebbero pescare sabbia oltre i 20 centimetri di profondità e al momento non c'è nessuna ditta disposta ad effettuare simili lavori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento