Politica

Il Pd risponde per le rime al Pdl: "La paura è vostra"

Prosegue la polemica a distanza tra i due coordinamenti cittadini, dopo l'affondo di ieri da parte del centrodestra sulla Festa Democratica. Oggi arriva la risposta affidata al segretario Pd Natali

GALLIPOLI - Le polemiche politiche a Gallipoli proseguono, dopo le accuse di ieri del Pdl alla presunta "parata di stelle" del Pd cittadino, nella ormai classica manifestazione della Festa Democratica, con velenose battute riferite alle prossime elezioni nella perla ionica (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=29503 ).

Oggi è il turno del Pd, che replica alle parole del coordinamento del Pdl, per voce del segretario cittadino, Luigi Natali: "La paura e l'invidia fanno perdere la testa al Pdl locale - dichiara -, i cui rappresentanti, sarebbe meglio dire il cui unico rappresentante padre-padrone (il riferimento è a Vincenzo Barba, ndr) anziché vergognarsi e chiudersi in casa per i disastri che ha combinato quando era alla guida della città e per avere ostacolato le iniziative dell'ultima amministrazione comunale tese a rendere ordinata e sicura questa città, ha l'ardire di intromettersi nelle vicende interne del Partito Democratico, facendo l'ennesima magra figura".

"La paura - prosegue - è quella che le prossime elezioni non potranno che portare ad una clamorosa sconfitta del Pdl, degnamente rappresentato dagli uomini del B&B (Berlusconi & Barba). Avvertono già che l'aria che tira non è a loro favore e che i cittadini, provati ulteriormente dal caos di questi giorni, voluto e difeso da costoro, hanno già voltato loro le spalle".

Secondo Natali, l'invidia sarebbe dovuta alla constatazione che il Partito Democratico di Gallipoli, "dato per morto e sepolto, è, invece, vivo e vegeto ed ha la forza di organizzare, per la prima volta, la Festa Democratica, avendo tra i suoi ospiti Vice Presidente, assessori e consiglieri regionali, sindaci del territorio, scrittori e uomini di cultura che si sono confrontati pubblicamente con chi proviene da diverse aree politiche e si spende per il territorio".

Questi, con la loro presenza alla Festa Democratica, hanno dato testimonianza, secondo il segretario, del lavoro che è stato svolto nei mesi passati in favore della città e manifestato la propria solidarietà a chi queste iniziative ha fortemente voluto: "Il richiamo strumentale che il Pdl - ribadisce - fa di rappresentanti istituzionali del passato, che ora comunque militano nel Pd e sono al nostro fianco, da un lato ci onora, dall'altro rende sempre più evidente la pochezza dei nostri avversari politici".

"Il Partito Democratico, che ha forza e coraggio per stare in piedi - insiste Natali -, con la schiena dritta e sempre dalla parte dei cittadini, cozza terribilmente con il Pdl locale, tutto appiattito sulle posizioni del deputato Barba, isolato dal resto del Partito provinciale e regionale, completamente ininfluente nelle sedi istituzionali in cui occupa posti importanti e tenuto in vita artificialmente solo dalle iniezioni di denaro abbondantemente profuse dal magnate locale".

Per Natali, ci sarà tempo per parlare di candidati sindaci e di programmi, e chiede a Barba e ai suoi di prepararsi ad un confronto serio, leale e nel pieno rispetto delle regole: "A proposito di programma - conclude -, per ora, non possiamo che registrare che le proposte e le posizioni assunte di recente confermano, a pieno titolo, il Pdl come il Partito del disordine, e di questo dovranno darne conto ai cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd risponde per le rime al Pdl: "La paura è vostra"

LeccePrima è in caricamento