Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Ss 275, i sindacati blindano l'incontro con Anas: prima assemblea con operai

La società avrebbe confermato l'intenzione di realizzare l'opera di ammodernamento. Lunedì Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil ne parlano ai lavoratori

Una foto di una recente protesta dei lavoratori lungo lal Ss 275.

ROMA – Per Anas i lavori di rifacimento e ampliamento della Ss 275 restano un impegno da portare a termine. Lo hanno riferito in una nota congiunta i sindacati Fillea Cgil, Filca Cisl, Feneal Uil, al termine di un incontro che si è svolto a Roma, presso la sede della società.

I dettagli dello stesso saranno illustrati ai lavoratori lunedì prossimo e solo dopo l’assemblea verrà stabilita una linea di condotta per i prossimi mesi. Da un mese circa alcuni operai del gruppo Palumbo stazionano per protesta ai margini del tratto inziale della strada che collega Maglie al Capo di Leuca per sollecitare l'avvio del cantiere.

L'azienda salentina fa parte del raggruppamento capeggiato da Matarrese che, classificatosi inizialmente al quarto posto, già si era visto riconoscere le proprie ragioni da una sentenza del Consiglio di Stato nel luglio del 2014. Dopo questo pronunciamento si è determinata però una sorta di stallo perché Anas non ha ancora deciso come sbrogliare la matassa: procedere con l'affidamento o azzerare tutto e indire una nuova gara, sulla base di un progetto ridimensionato, come in qualche modo è sembrato suggerire Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione al termina dell'attività ispettiva condotta su tutto l'iter? 

Intanto Anas ha comunicato di aver avviato le procedure per l’annullamento in autotutela dell’aggiudicazione dell’appalto in favore del raggruppamento che fa capo a Ccc e del successivo contratto stipulato. Il che significa anche aprire comunque lo spazio per un altro contenzioso davanti alla giustizia amministrativa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ss 275, i sindacati blindano l'incontro con Anas: prima assemblea con operai

LeccePrima è in caricamento