menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anas e Regione a Lecce per presentare ai sindaci le ipotesi per la Ss 275

Il 5 febbraio si discute con le amministrazioni interessate delle alternative per il secondo lotto del tracciato, fino al Capo di Leuca

LECCE – Il 5 febbraio è in programma presso la Provincia di Lecce un incontro molto importante per i destini del progetto di ammodernamento della Statale 275. Regione Puglia e Anas sottoporranno ai Comuni interessati le due ipotesi di tracciato per quanto riguarda il tratto finale di 15 chilometri, fino al Capo di Leuca.

Anas ha già approvato il progetto definitivo per il primo lotto, dalla tangenziale di Maglie fino alla zona industriale di Tricase, Specchia e Miggiano: si tratta di un tragitto di 23 chilometri suddiviso in tre stralci per un importo di oltre 230 milioni di euro (dei circa 290 stanziati). 

Parallelamente al contenzioso amministrativo che caratterizza la vicenda da oramai molti anni, e dopo l’intervento ispettivo dell’Autorità anti corruzione, Anas e Regione hanno condiviso un rilancio del progetto che però lascia molto diffidenti sia il Comitato SoS 275, che da sempre si batte per un tracciato a basso impatto ambientale che non vada a interferire con le discariche interrate e abusive segnalate nel corso del tempo, sia alcune amministrazioni locali che vorrebbero invece il rispetto del progetto originario per come approvato e appaltato prima dell’intervento del Consiglio di Stato che nel luglio del 2014 sovvertì l’esito dell’aggiudicazione.

Con questa iniziativa la Regione probabilmente intende rispondere alle recenti lamentele del presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, che aveva parlato di impegni concordati prima di Natale e disattesi: tra questi la presentazione pubblica, a Lecce, di un progetto unitario e non frazionato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento