Giovedì, 23 Settembre 2021
Politica

I comuni minori verso le unioni. Il prefetto convoca i sindaci per stringere i tempi

Secondo la legislazione in materia, i 40 municipi della provincia di Lecce con meno di 5mila abitanti sono chiamati a creare un soggetto amministrativo unitario, di almeno 10mila abitanti con un unico bilancio e un comando di polizia locale

LECCE – La semplificazione amministrativa e il contenimento della spesa pubblica passano anche dalla unioni intercomunali. La legge, infatti, prevede che quelli con popolazione inferiore ai 5mila abitanti, in gruppi di tre o più debbano creare delle realtà da 10mila abitanti. E in provincia di Lecce ne sono previste ben 14.

Per chiarire alcuni aspetti della riforma e individuare le difficoltà principali, il prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, ha convocato per mercoledì mattina la Conferenza provinciale permanente (sezione enti locali), invitando anche i sindaci dei 40 comuni interessati.  D’altra parte, in diverse regioni d’Italia, le unioni intercomunali sono già attive con un comando di polizia locale unico, un solo bilancio, e una gestione tale da garantire tutti i servizi di cui i cittadini hanno bisogno.

Alla riunione è stato invitato anche un rappresentante pugliese dell’Associazione nazionale dei comuni italiani. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I comuni minori verso le unioni. Il prefetto convoca i sindaci per stringere i tempi

LeccePrima è in caricamento