Rubinetti a secco, incontro con Regione e Aqp per i contatori di sottrazione

Su iniziativa di Carlo Salvemini, martedì un primo tavolo tecnico in prefettura. Il governo pugliese può finanziare l'acquisto

LECCE – Martedì prossimo la Regione Puglia e Acquedotto Pugliese proveranno a tracciare un piano credibile di interventi per risolvere o almeno ridimensionare il problema dell’interruzione dell’erogazione dell’acqua che scatta in caso di morosità prolungata da parte degli inquilini.

Per quel giorno, infatti, su sollecitazione di Carlo Salvemini, candidato del centrosinistra alle elezioni comunali, è stato convocato un incontro tecnico presso la prefettura di Lecce.

Si tratta di una questione annosa che colpisce sia coloro che non pagano che i cittadini che lo fanno a causa della presenza di un unico contatore per tutto o stabile. E proprio nell’installazione dei contatori di sottrazione per singola utenza sta la soluzione più logica.

Nei giorni scorsi, in vista della sospensione dell’erogazione in alcuni palazzi della 167, ma anche in altre località in provincia, si è svolta una manifestazione alla quale ha preso parte anche il candidato del centrodestra, Mauro Giliberti, il quale ha imputato la situazione al cortocircuito politico tra Pd e Udc, alleati nel governo regionale, avversari alle prossime comunali a Lecce.

Salvemini, dal canto suo, ha chiesto all’avversario di tenere separate le ragioni della politica da quelle dell’emergenza sociale, convinto, come ha ripetuto in una nota che “di fronte a questioni che parlano alla vita delle persone appartenenze, schieramenti e contrapposizioni devono cedere il passo a buon senso, concretezza, sobrietà”.

Alla riunione di martedì saranno presenti l’assessore regionale con delega alle Politiche Abitative, Anna Maria Curcuruto, il direttore di Acquedotto Pugliese e Claudio Stefanazzi, capo di gabinetto del presidente della Regione Puglia Emiliano, oltre al padrone di casa, il prefetto di Lecce Claudio Palomba.

Il governo regionale è disponibile a procedere con proprie risorse all’installazione dei contatori di sottrazione e a chiedere, intanto, ad Aqp di ripristinare l’erogazione. Cosa che, precisa Salvemini, potrebbe fare anche il sindaco Paolo Perrone, attraverso lo strumento dell’ordinanza comunale “richiamando le stesse sacrosante motivazioni legate alla tutela dell’igiene e della sanità pubblica. Sempre badando al superiore interesse dei cittadini e non alle polemiche politiche”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In serata la replica di Giliberti: "Prima si fanno i tavoli, si cercano le soluzioni e si attuano. Poi si taglia l'acqua alla gente. Questo è il metodo della politica, per come la vedo io".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento