Politica Collepasso

Finisce sul tavolo del ministro il cantiere eterno della rotatoria sulla Sp 361

Il deputato del Pd, Federico Massa, si è rivolto al responsabile delle infrastrutture per avere chiarimenti sul cantiere avviato nel 2012 che sorge nei pressi di Collepasso, in un punto nevralgico anche per la zona industriale di Casarano

COLLEPASSO – Il deputato del Pd, Federico Massa, ha presentato un’interrogazione al ministro della Infrastrutture, Maurizio Lupi,  che ha come oggetto il discusso e infinito cantiere della rotatoria sulla strada provinciale 361 “di Parabita”, nei pressi di Collepasso.

Sulla vicenda, che si trascina dalla fine del 2012, sono già intervenuti amministratori dei comuni limitrofi, esponenti politici, ma anche la magistratura che ha aperto un’inchiesta (con un sequestro, di recente revocato) dopo l’abbattimento del muro di cinta della masseria, di costruzione settecentesca, che sorge a ridosso dell’area dei lavori, avviati e poi interrotti con conseguente disagio per automobilisti e aziende dalla zona.

“Un’opera della Provincia di Lecce che da subito è apparsa invasiva ed esagerata rispetto alla necessità di mettere in sicurezza la strada”, scrive ora il parlamentare democratico che ha richiesto anche all'esponente del governo la verifica della conformità dei lavori effettuati rispetto al progetto.

Massa ha chiesto che nel rispetto assoluto del paesaggio, l’opera possa essere portata a compimento nella sua giusta dimensione in modo da consentire il ripristino della rete viaria che serve anche importanti zone industriali, come quella di Casarano: “Nel frattempo, e nonostante la pressione dell’opinione pubblica e dei comuni interessati, l’arteria di collegamento con importanti città come Casarano, Gallipoli e Otranto continua a rimanere bloccata. E siccome gli anni passano è giusto che ognuno si assuma le sue responsabilità”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce sul tavolo del ministro il cantiere eterno della rotatoria sulla Sp 361

LeccePrima è in caricamento