Politica

Centro Imid, “persecuzione contro Minelli”. Interrogato il ministro della Salute

Antonio Placido, deputato di Sel, sollecita la responsabile del dicastero della Salute, Beatrice Lorenzin, a valutare la condotta dell'Ordine dei medici della provincia di Lecce nei riguardi del noto immunologo, che ora lavora in Basilicata

LECCE – Verificare se l’Ordine dei medici della provincia di Lecce ha abusato delle proprie funzioni nella vicenda disciplinare che vede al centro il noto immunologo Mauro Minelli. Lo chiede il deputato lucano Antonio Placido, di Sinistra Ecologia e Libertà al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, con un’interrogazione a risposta scritta.

Minelli, che ora esercita in Basilicata, era stato già sospeso dalle sue funzioni dall’ordine presieduto da Gino Pepe. Entrambi sono, in fasi diverse, finiti sotto osservazione da parte della magistratura. Il primo è indagato per peculato e truffa, il secondo rinviato a giudizio per diffamazione (nei confronti del direttore generale della Asl) e indagato per abuso d’ufficio.

Una matassa aggrovigliata, che chiama in causa anche il ruolo della Asl e della Regione Puglia, dietro la quale resta lo smarrimento dei pazienti che hanno più volte manifestato il loro dissenso rispetto alla chiusura della struttura, avvenuta nel giugno scorso. Per il parlamentare di Sel Minelli è rimasto vittima di una vera e propria azione persecutoria fondata su accuse pretestuose. Il provvedimento disciplinare sarebbe, secondo Placido, la conseguenza della rinuncia dell’immunologo a confermare l’iscrizione presso l’Ordine dei medici della provincia di Lecce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro Imid, “persecuzione contro Minelli”. Interrogato il ministro della Salute

LeccePrima è in caricamento