menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra, Spedicati, Marzo e Salvemini.

Da sinistra, Spedicati, Marzo e Salvemini.

La musica invade la città. Dalla classica al jazz con i talenti del "Tito Schipa"

Siglato un protocollo tra il Comune e il conservatorio. L'assessora Agnoli: "Possiamo parlare di città della cultura quando tutti sono coinvolti"

LECCE - Siglato questa mattina, nella Sala Giunta di Palazzo Carafa, il protocollo d'intesa tra il Comune di Lecce e il Conservatorio di Musica “Tito Schipa”, uno dei principali istituti musicali del Sud Italia. L'obiettivo dell'accordo, della durata di tre anni, sta nella realizzazione di iniziative culturali e musicali in città, volte a sviluppare una produzione culturale basata sulla riscoperta dei luoghi, delle diverse epoche storiche e degli artisti che hanno segnato la vita della comunità leccese.
 
"Questa intesa - ha commentato il sindaco, Carlo Salvemini - scaturisce dalla consapevolezza di dover fare squadra, di dover mettere a valore le ricchezze che diffusamente sono presenti e che per lungo tempo si sono percepite come separate in casa o comunque con pochissime occasioni e volontà di lavoro comune. Il protocollo d'intesa tra Comune e Conservatorio, che viene quindi a colmare un vuoto e definisce gli impegni reciproci di un'attività da costruire negli anni, si inserisce nel solco di un rapporto di governance strategica, che stiamo costruendo tra le principali istituzioni culturali e scientifiche della città di Lecce, vale a dire Università del Salento, Conservatorio e Accademia di Belle Arti”.
 
“Il protocollo d’intesa tra il Comune di Lecce e il Conservatorio è un fatto importante, anzi storico - ha commentato il presidente del conservatorio, Biagio Marzo - tant’è che per la prima volta si è creata una sinergia tra l’ente locale e l’istituzione per rilanciare l’attività artistico-musicale della città.Il percorso culturale che intendiamo tracciare insieme va dal centro storico ai quartieri, valorizzando i beni paesaggistici e culturali e la narrazione del genius loci della città. Il tutto accompagnato da una filiera di concerti che percorrono vari generi musicali, dal gregoriano al jazz, passando per il barocco e il contemporaneo.”
 
“Questo accordo con il conservatorio -  ha aggiunto l'assessore alla Cultura Antonella Agnoli - ci permette di costruire un progetto culturale e musicale rivolto a tutti i cittadini. Perché possiamo veramente parlare di una città della cultura quando tutti i suoi cittadini e non una élite vengono coinvolti. Questo tavolo di lavoro che avviamo insieme ha l'obiettivo di portare musica in giro per la città, anche e soprattutto lì dove esiste una maggiore distanza dei luoghi culturali, che sono quasi tutti concentrati nel centro storico di Lecce”.
 
Il direttore Giuseppe Spedicati ha spiegato che "l'elemento di punta dell’accordo è il programma della stagione concertistica che comprende undici concerti e che si chiuderà a giugno con la Festa Europea della Musica, i cui protagonisti saranno docenti e i migliori studenti dell’Istituzione che ho l’onore di dirigere. Tutte le altre attività saranno via via concordate e interesseranno le marine leccesi e tutti i quartieri della città”.

 
Ad inaugurare questo sodalizio il concerto di Michele Bianco & Lecce Accordion Project, giovani vincitori del Premio delle Arti 2017, indetto dal Miur e rivolto ai Conservatori e alle Accademie di Belle Arti. Il concerto si terrà giovedì 11 gennaio alle ore 19,30 nella Sala Dante dell'Istituto Galilei Costa. Tutti gli appuntamenti della stagione concertistica saranno a ingresso gratuito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento