Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

La protesta: "Virgilio, la succursale non è a norma"

Una delegazione di genitori degli studenti s'è recata presso la Provincia per portare le proprie rimostranze al vicepresidente Loredana Capone. Che rassicura: "Stiamo provvedendo a fare un bando"

"Presenza di amianto nei luoghi dove i nostri figli svolgeranno attività fisica e ricreativa". E ancora: "Diversi chilometri di distanza dalle principali vie di Lecce, impossibilità di raggiungere la scuola con mezzi pubblici per problemi di coincidenze di treni e bus, posizione lontana e pericolosa da raggiungere a piedi, aule piccole e prive di aggregazione". Morale: "Le quattro classi della succursale del Virgilio vivono una situazione di emarginazione e disagio". Studenti e genitori sono da tempo sul piede di guerra, il secondo liceo classico di Lecce non vive certo una situazione di serenità. Questa mattina, di buona lena, una delegazione hanno raggiunto la sede centrale per protestare, quindi si è recata presso la Provincia, per portare le proprie rimostranze. "La nuova succursale - accusano - è priva di ogni norma per la salute e la sicurezza dei nostri figli".

Ad accoglierli è stata la vicepresidente Loredana Capone, insieme al dirigente del settore Giorgio Felline e ai funzionari delegati. "Ho assicurato di continuare nell'impegno ad alleviare il disagio che il Liceo Virgilio sta vivendo, legato alla sua enorme crescita, tenendo conto delle richieste formulate dalla delegazione, pur senza disporre di bacchette magiche", ha spiegato la vicepresidente Loredana Capone. "Del resto, proprio in questi giorni stiamo pubblicando un bando, già approvato dalla giunta, per l'acquisizione, anche in compravendita, di immobili da destinare ad uso scolastico a partire dall'anno venturo. Il bando che scadrà alla fine di novembre, potrà far risolvere in modo definitivo i problemi più urgenti, legati alla crescita delle iscrizioni alle scuole superiori della città di Lecce".


E intanto, nei giorni scorsi, la stessa Loredana Capone, ha tenuto un primo incontro tecnico insieme agli assessori provinciali alle Politiche educative e all'Edilizia scolastica Salvatore Capone e agli assessori comunali all'Urbanistica Roberto Marti e alle Politiche educative Luciano Battista, coinvolgendo gli Uffici tecnici di entrambi gli enti, per esaminare la consistenza e la ubicazione delle varie aree destinate a servizi e all'edilizia scolastica nel capoluogo. L'incontro ha fatto seguito ad una lettera inviata al sindaco dal presidente Giovanni Pellegrino nei giorni scorsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La protesta: "Virgilio, la succursale non è a norma"

LeccePrima è in caricamento