Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

La Provincia prova a difendere l’ambulatorio integrato di celiachia del “Fazzi”

Il presidente di Palazzo dei Celestini Gabellone, a sostegno di un servizio "apprezzato da centinaia di salentini", interessato dai tagli sulla sanità: "Ci sono anche le poche risorse finanziarie necessarie a farlo funzionare"

LECCE - “L’ambulatorio integrato di celiachia del “Vito Fazzi” di Lecce non deve chiudere”. È questa la richiesta forte, che arriva dal presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone. “In questi giorni abbiamo appreso con rammarico – spiega - dell’intenzione della Regione Puglia e della direzione generale della Asl di negare un servizio così apprezzato dalle centinaia di salentini celiaci”.

Gabellone evidenzia come la scure dei tagli, il ridimensionamento dei servizi e l’abbattimento dei costi non possano passare per un grave ridimensionamento dei servizi per il cittadino, soprattutto in materia di salute e di miglioramento delle condizioni di vita.

“Spero vivamente – afferma il numero uno di Palazzo dei Celestini - che il direttore generale della Asl Mellone possa accogliere l’appello che arriva da più parti, rivedendo questa decisione, conservando nel Salento e nel capoluogo questo servizio così importante per una sempre più diffusa patologia”.

“Ci sono anche le poche risorse finanziarie necessarie a far funzionare il servizio, sono facilmente reperibili – prosegue -, come hanno dimostrato in una contro-proposta i consiglieri regionali di centrodestra; siamo in presenza di un’offerta sanitaria specifica, qualificata e efficiente, che suscita l’apprezzamento e il riscontro positivo degli utenti. Non deve essere cancellata”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Provincia prova a difendere l’ambulatorio integrato di celiachia del “Fazzi”

LeccePrima è in caricamento