Comitato lavoratori Bat sollecita il governatore Emiliano: "Noi figli di un Dio minore?"

Dopo il vertice in prefettura il gruppo che riunisce alcuni ex operai dello stabilimento pretende dalla Regione Puglia impegni concreti

Una foto dell'incontro di marcoledì in prefettura.

LECCE – Pochi giorni dopo l’incontro in prefettura per discutere di possibilità di assunzioni da parte di aziende che lavorano per realizzare i gasdotti Tap e Snam, il Comitato Lavoratori Bat Lecce sollecita con una lettera il governatore Michele Emiliano a dimostrare un impegno concreto nella loro vertenza. Dopo aver richiamato i casi della Natuzzi, della Bridgestone, dalla Sangalli, il gruppo spontaneo di ex operai chiede polemicamente: “O forse noi siamo figli di un Dio minore e solo l’accostamento a Tap fa parlare di noi?”.

Al tavolo di mercoledì scorso voluto dal prefetto di Lecce, Claudio Palomba, i lavoratori hanno accennato anche alla possibilità di essere reclutati da Sanità Service nell’ambito dell’ampliamento del polo ospedaliero della città. Il comitato ritiene, del resto, che la Regione sia corresponsabile del fallimento della mancata riconversione dello stabilimento dove si producevano sigarette, avendo firmato gli accordi che diedero il via libera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Noi plaudiamo all’iniziativa che il Prefetto ha avuto nel voler riaprire la vertenza con un tavolo concertativo che metta al centro il lavoro e la nostra vertenza, così come capiamo le ragioni dell’opposizione ambientale e territoriale all’opera del gasdotto. È certo però che noi e le nostre famiglie necessitiamo di lavoro, abbiamo portato per sette lunghi anni avanti la nostra lotta con dignità e senza essere merce di scambio su tutti i tavoli istituzionali ed è stato lo stesso territorio che ci ha abbandonato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento