Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Facoltà di agraria, il progetto approda in Consiglio regionale. Attenzione anche da Roma

Il capogruppo Udc Negro ha depositato un ordine del giorno presso il Consiglio regionale ed il vicepresidente Maniglio vuole definire una piattaforma da sottoporre al governo. Anche il deputato Pd Capone si è impegnato a sollecitare i ministeri competenti

Vigneti (@TM News/Infophoto).

LECCE – Prosegue il dibattito mediatico intorno al progetto, peraltro non nuovo, di creare una facoltà di Agraria presso l’università del Salento così da connettere la formazione superiore con gli sbocchi professionali più idonei per il territorio. Antonio Maniglio, ultimo in ordine di tempo, cerca di spostare  i termini della questione sul piano pratico: “Il dopo, cioè il passaggio dalle buone intenzioni alla effettiva possibilità di dotare l’ateneo di una nuova facoltà, ci preoccupa. Già in altre occasioni, penso all’infinito dibattito sulla facoltà di medicina, alla unanimità delle parole si è corrisposto con il niente”.

Il vicepresidente del Consiglio regionale propone di mettere ordine tra le tante e pregevoli proposte avanzate (in modo particolare dall’onorevole De Castro) per definire una piattaforma da presentare al governo nazionale. “Ecco il senso dell’ordine del giorno che proporrò sia discusso nel consiglio regionale di martedì 15 aprile – annuncia - : attivare un confronto tra le istituzioni, le università, i parlamentari e dare uno sbocco operativo e formale alle tante petizioni di principio”.

Il dibattito approderà presto in Consiglio regionale anche grazie ad un ordine del giorno depositato oggi dal capogruppo Udc, Salvatore Negro. L’obiettivo, ha sottolineato il presidente Negro, è quello di “impegnare il presidente della Giunta e l'assessore all’Agricoltura ad assumere ogni iniziativa utile presso il ministero per l’Università e la Ricerca Scientifica e in ogni sede per sostenere la nascita di un Corso di laurea in Scienze Agrarie presso l’Università del Salento e a fornire un contributo economico utile per l’avvio di tale progetto”.

“La facoltà di Agraria – ha sottolineato il capogruppo centrista - è quella che meglio soddisfa la domanda di impiego secondo quanto riportato da Agrifarma  (associazione nazionale imprese agro farmaci  che fa parte di Federchimica) sull’incremento degli iscritti nelle 23 università italiane e dalla Coldiretti che dichiara che su circa 210mila aziende agricole operanti in Italia almeno 30mila fanno capo a giovani professionisti under 40 con forte crescita di operatrici femminili (29,2 per cento)”. “Infine – ha concluso il presidente Negro – incentivare l’agricoltura sarebbe in sintonia con l’altra vocazione naturale del Salento che è rappresentata dal turismo, con importanti risvolti dal punto di vista occupazionale”.

Entusiasta del progetto si è detto anche il deputato del Pd Salvatore Capone che si dice pronto a sollecitare i ministeri competenti e fa riferimento ai recenti dati dell’export per individuare il rafforzamento del Salento in diversi comparti dell’agroalimentare: dai prodotti di colture agricole ali oli alle bevande. “Solo qualche giorno addietro – rammenta lui - , condividendo l’iniziativa  del Centro studi Rudiae di Lecce, ho coinvolto il ministero dell’Agricoltura per sostenere il trasferimento in comodato del Centro di sperimentazione Sant’Anna, attualmente nella disponibilità del ministero dell’Agricoltura ma praticamente in stato di abbandono, all’università del Salento. Una iniziativa che potrà, all’interno di una strategia più articolata, costituire un primo importante tassello di un progetto d’alta formazione. Così come potrà essere utile allo stesso l’individuazione di ulteriori luoghi, ugualmente in abbandono e sempre nello stesso comprensorio, da restituire alla originaria vocazione di ricerca e sperimentazione”.

D’altra parte, secondo il deputato, lo sviluppo del territorio in questa direzione non è un’apologia del localismo: “Piuttosto immagino l’università come un laboratorio di alta e altissima formazione motore attivo dello sviluppo e del futuro del territorio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Facoltà di agraria, il progetto approda in Consiglio regionale. Attenzione anche da Roma

LeccePrima è in caricamento