Viaggio del candidato M5s nel trasporto pubblico, fra disfunzioni e desolazione

Baglivo ha sperimentato bus e filobus. Orari non funzionali a tutti, piazzole disastrate. E l'inciviltà degli automobilisti

LECCE – Il trasporto pubblico a Lecce, uno di quei nodi irrisolti da tempi immemori. Disfunzioni e orari non sempre funzionali si sommano a un pessimo stato di salute delle strade cittadine. Ne vien fuori, nel complesso, un quadro degradante per un capoluogo di provincia, per giunta con una forte anima turistica. A stilare un impietoso bilancio è Arturo Baglivo, candidato sindaco per il Movimento 5 stelle. Il quale ha voluto porre l’accento su tante pecche della viabilità urbana e dei servizi pubblici connessi, con un semplice sistema: facendo qualche giro in autobus e in filobus.  

Medico dell’ospedale “Vito Fazzi”, Baglivo questa mattina ha svolto un esperimento: raggiungere il luogo di lavoro con il trasporto pubblico. E’ salito, così, sul bus di linea 24, a Piazza Palio, ed è arrivato alle porte del nosocomio in meno di mezzora, in virtù di un traffico scorrevole. Ma è stata l’unica intonata. “La prima sorpresa negativa – racconta - arriva alla fermata, in cui mancano gli orari di arrivo e percorrenza. Non resta che informarsi online e così scopro che per molti, con questi orari, sarebbe un problema recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici”.

Il fatto è questo: le corse delle autolinee iniziano alle 7, “alcune addirittura alle 7,40”, puntualizza Baglivo, e terminano alle 21. “Perciò, ogni giorno, se fossi di turno al mattino – chiosa -, rischierei di arrivare in ritardo, e lo stesso immagino succeda per chi va in ufficio o per il personale che inizia il lavoro alle 7 del mattino. Per non parlare dell’ultima corsa: chi finisce di lavorare in ospedale alle 21 è tagliato fuori”. Considerazioni che Baglivo estende dai lavoratori agli studenti universitari. “Che si devono arrangiare”.

Arturo Baglivo Sindaco (3)-2“Viaggiando sull’autobus – prosegue il candidato sindaco pentastellato - hai il tempo di osservare: salta all’occhio, ancora una volta, lo stato disastroso di strade e marciapiedi, soprattutto alle fermate dell’autobus che sono quasi tutte inadeguate, senza scivoli per disabili, con le piazzole di arresto molto spesso occupate da vetture in sosta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al ritorno, Baglivo è balzato a bordo della linea 30, che fa capo al mai  troppo vituperato filobus. “Consiglio a tutti l’esperienza: ampio e silenzioso. Potreste giocare a tennis con un amico per quanto è desolatamente vuoto”, ironizza. “Un’eredità disastrosa di chi oggi si ripropone alla guida della città”, aggiunge, e l’allusione ad Adriana Poli Bortone suona forte e chiara. “In ogni caso- conclude -, è un’infrastruttura con cui pare dovremo convivere ancora a lungo; dobbiamo perciò renderla funzionale e incentivarne l’utilizzo. Si potrebbe, quantomeno, facilitare il lavoro degli autisti, aumentando la tecnologia e dotando tutti i mezzi di dash cam – suggerisce -, evitando pericolose manovre a causa delle corsie preferenziali perennemente occupate da automobili”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecce usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento