Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Via al condono Tarsu, presentazione domande entro il 29 marzo

Secondo incontro con i cittadini sul tema, questa mattina nel centro sociale "Stadio", in via Matera. C'è tempo per mettersi in regola, sono coloro che non hanno dichiarato tra il 2007 al 2012, ma la richiesta dovrà essere presentata entro fine mese

LECCE – Chi non ha pagato la Tarsu, dal 2007 al 2012, chi ha denunciato una superficie inferiore della sua abitazione rispetto a quella effettiva e coloro che hanno proposto ricorso contro gli  avvisi di accertamento notificati entro e non oltre il 31 dicembre 2011, possono cavarsela con sanzioni meno salate facendo richiesta del condono Tarsu. Gli appuntamenti sul tema, organizzati dall’amministrazione comunale di Lecce, proseguono, ed anche questa mattina l’assessore al Bilancio Attilio Monosi ed altri funzionari comunali - il dirigente responsabile del settore Tributi Piero Errico e il  presidente della Commissione bilancio, Oronzino Tramacere - hanno incontrato i cittadini presso il centro sociale “Stadio”, in via Matera.

L'appuntamento, aperto al pubblico, rientra in un calendario di iniziative messe in campo dall’assessorato ai Tributi sul tema, e si pone nell'ottica di dare attuazione alle politiche della trasparenza.  “Il condono - ha dichiarato l’assessore Monosi -  arriva alla fine di un percorso che ha visto l’amministrazione comunale prima impegnata nel recupero di situazioni riguardanti le grandi superfici, emblematico il caso della Manifattura tabacchi che ha garantito un recupero alle casse dell’ente di somme pari a oltre 1 milione di euro, per poi passare alle abitazioni civili. Il tutto a pochi mesi dell’entrata in vigore della Tares che sostituirà l’attuale imposta e avrà principi e criteri di applicazione diversi”.

“Al condono – ha precisato nel suo intervento il presidente della commissione bilancio Tramacere - possono aderire coloro che hanno omesso la denuncia per le annualità dal 2007 al 2012, chi ha denunciato una superficie inferiore a quella effettiva e coloro che hanno proposto ricorso avverso per  avvisi di accertamento notificati entro e non oltre il 31 dicembre 2011”.
 
Il dirigente Errico ha, infine, precisato che “i box e le eventuali pertinenze delle abitazioni sono soggette a tassazione e, pertanto, condonabili. Il limite per la presentazione delle domande di condono è il 29 marzo prossimo, il versamento delle somme da corrispondere per la definizione agevolata potrà essere eseguito mediante unica soluzione, entro il 24 maggio 2013, oppure ratealmente, presentando istanza entro il 15 maggio 2013. Obiettivo dell'amministrazione è, dunque, quello di avere un’alta adesione all’iniziativa, grazie alla quale si garantirebbe una limatura della tassa”. 

A conclusione del suo intervento il dirigente Errico ha dedicato una riflessione a parte sul tema dell’evasione sottolineando che “se fino a oggi gli spiragli per evadere erano presenti, in futuro tutto ciò sarà più difficile, grazie alle dotazioni informatiche, all’incrocio dei dati e i nuovi sistemi di controllo previsti dalla Tares”. Ha quindi invitato tutti i cittadini “a cogliere questa opportunità che il Comune offre per sistemare situazioni pendenti, utilizzando al meglio tutti gli strumenti informativi messi in campo dall’assessorato ai Tributi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via al condono Tarsu, presentazione domande entro il 29 marzo

LeccePrima è in caricamento