Tar di Lecce salvo, soddisfazione bipartisan: "Una prova di unità d'intenti"

Plausi per l'emendamento al decreto che salva il Tar. Gabellone e Capone ricordano la coesione, Marti la battaglia per il territorio. Stefàno: "Atto di saggezza". Congedo e Negro menzionano il referendum contro la soppressione, ma Pagliaro è contento a metà: "Nessuna vera vittoria senza regionalismo"

LECCE – Una vittoria bipartisan. Così si può sintetizzate il commento di molti politici salentini alla notizia rimbalzata nella tarda serata di ieri tramite le principali agenzie di stampa sul salvataggio dalla scure del “decreto semplificazione” di cinque sedi distaccate dei Tribunali amministrativi regionali, nelle città sedi di Corti d’appello, e fra questi, il Tar di Lecce. 

Antonio Gabellone-5-2“E’ salvo anche grazie alla straordinaria prova di unità istituzionale che hanno dato tutte le forze attive di questo territorio – commenta oggi il presidente della Provincia di Lecce e coordinatore di Forza Italia, Antonio Gabellone -, dal Comune ai tecnici del settore, alle organizzazioni di categoria, passando anche per la nostra Provincia, che ha approvato nelle ultime settimane di vita del Consiglio provinciale un importante atto di indirizzo destinato a salvare il Tribunale amministrativo da una scellerata e insensata soppressione”. 

Per il parlamentare del Pd, Salvatore Capone, “l’approvazione dell’emendamento all’articolo 18 del testo legislativo è una bellissima prova d’intesa congiunta tra delegazioni parlamentari nell’esclusivo interesse delle comunità territoriali  e della qualità del confronto tra le delegazioni parlamentari (in particolare per quanto mi riguarda dei deputati Pd delle regioni coinvolte) e il governo, che sin dall’inizio ha manifestato una posizione di apertura e disponibilità alla modifica del decreto”.

Necessario, per Capone, questo salvataggio, “non per una difesa campanilistica e miope dello status quo – precisa - né tantomeno una difesa di rendite di posizione, quanto piuttosto per questioni di merito. In questo caso essere sede di Corte d’Appello e, aspetto non marginale, il differenziale costi tra le sedi di Lecce e di Bari,  e la significativa mole di lavoro affrontata dal Tar di Lecce  rappresentata dai ricorsi depositati”.

Il deputato di Forza Italia, Roberto Marti, parla di una “battaglia nel nome di un territorio che non poteva essere privato di una sezione funzionale e fondamentale per le province di Lecce, Taranto e Brindisi”. E aggiunge: “La grande mobilitazione che si è registrata intorno all'ipotesi di abolizione del Tar di Lecce è servita a dare consapevolezza dell'efficienza di quest’organismo e dei numeri, tutti positivi, che lo caratterizzano, dai costi esigui rispetto al resto di Italia agli innumerevoli ricorsi”. 

Per il senatore di SeL, Dario Stefàno, si è trattato di “un atto di saggezza istituzionale che tutela gli equilibri e gli interessi della comunità. La modifica accolta stoppa una stortura che avrebbe avuto effetti devastanti: si voleva tagliare un pezzo di Stato con un criterio esclusivamente ragionieristico, andando a colpire però dove di fatto il problema dei costi non era incidente”.

erio congedo-10-10“In una fase così cruciale come quella che stiamo vivendo e interpretando – aggiunge -, di riforma della Costituzione, allora val la pena di riflettere ancora una volta sulla importanza delle attività svolte dalle Commissioni e dalle Camere. Non sempre l’esecutivo che fa veloce fa bene. E i passaggi parlamentari non sono una perdita di tempo, perché il tempo può servire a migliorare e correggere interpretazioni in distonia con gli interessi dei territori”. 

Il vicecapogruppo vicario del Pdl-Fi, Erio Congedo, si dice soddisfatto per l'approvazione dell'ordine del giorno con cui il Consiglio regionale ha aderito alla richiesta di referendum abrogativo della Regione Abruzzo contro la soppressione degli uffici giudiziari. 

“E' un segnale importante che lanciamo, assieme alle altre Regioni, al governo nazionale. La decisione di non abolire il Tar di Lecce è certamente un'ottima notizia che fa pensare ad un ravvedimento del governo sulla legge varata da Monti. C'è da ben sperare quindi - conclude Congedo- che anche su questo tema possa conquistarsi un altro punto a favore per i cittadini il cui diritto di accedere senza disparita' alla giustizia va tutelato con forza e determinazione”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente del gruppo Udc, Salvatore Negro. “In linea di massima – ha commentato – siamo sostenitori del bisogno che il Paese ha di riforme urgenti e siamo quindi favorevoli alla razionalizzazione del sistema avviata dal governo".

"Pur tuttavia occorre lavorare per migliorare il sistema giudiziario tenendo conto delle peculiarità di territori come la Puglia che si estende per oltre 500 chilometri, da Leuca al Gargano, ed ha esigenze diverse rispetto a quelle di altre piccole regioni. In questo periodo abbiamo raccolto la voce degli avvocati e degli altri operatori della giustizia ma soprattutto dei cittadini: basta fare un salto nel Tribunale civile di Lecce - conclude - per rendersi conto dei disagi che sta creando l’accorpamento di alcune sedi giudiziarie”. 

PRESIDENTE PAOLO PAGLIARO-2Considerazioni particolari arrivano però da Paolo Pagliaro, presidente del Movimento regione Salento. Soddisfatto, sì, ma “non sento di trarre un sospiro di sollievo perché se oggi abbiamo dovuto lottare per il Tar, domani ci sarà un altro nodo da sciogliere. Solo il regionalismo avrebbe garantito la salvaguardia dei diritti dei territori”. 

“Sono anni che peroriamo la causa del regionalismo e non certo per capriccio, ma perché solo un’istituzione territoriale solida e riconosciuta può difendere le ragioni dei suoi cittadini. Il “fattore 36” che proponiamo risolverebbe a monte problemi come quello del Tar. Noi – aggiunge - sappiamo che è solo l’inizio: dal Tar si passa alle prefetture, alle autorità, alle camere di commercio ed enti secondari tutti”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci troveremo a breve a dover sudare per salvare il salvabile, ancora una volta, senza una spinta riformatrice seria che restituisca ai cittadini la loro dignità e la stabilità istituzionale. Basta guardare a quanto sta accadendo per la riforma sulle Province: ci stanno beffando e sbeffeggiando e nessuno alza la voce. Le Province sopravvivranno e a nulla è servito il tempo perso e speso in inutili dibattiti”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento