Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica Leuca / Via Forlanini

Rifiuti, ventinove evasori di Tari scoperti tutti in una volta dopo controlli

Una percentuale preoccupante, visto che le verifiche di polizia locale e ispettori ambientali hanno riguardato 70 cittadini

Nella foto inviata da un lettore: rifiuti abbandonati in via Colaci, una delle zone battute oggi.

LECCE – Ventinove utenze su settanta controllate sono una percentuale fin troppo elevata di evasori di Tari. Poco oltre il 40 per cento dei verificati in poche ore. E si sta parlando soltanto di appena una manciata di strade di Lecce: via Forlanini, nel quartiere Leuca, nei pressi della sede dell’Asl, e piazza Dante e strade vicine, nel rione San Pio. Già, proprio nei pressi di luoghi segnalati anche da nostri lettori nei giorni scorsi.

E dato che si tratta di soggetti, in alcuni casi intere famiglie, che non possono avere accesso alla raccolta differenziata, si deduce che i più siano obbligati a disfarsi dei rifiuti abbandonandoli. Così facendo, inquinando angoli di città e fanno salire la rabbia di chi versa le tasse ed è ligio alla separazione dei materiali da consegnare agli operatori che si occupano della raccolta.

A scoprirli, sono stati gli agenti del Nucleo Dec della polizia locale e gli ispettori ambientali dell’assessorato guidato da Andrea Guido, durante l’attività quotidiana pe il controllo dell’operato della Monteco. Nove di questi sono stati scoperti in via Forlanini e ben venti fra piazza Dante e vie limitrofe.

I controlli hanno riguardato anche i contratti d’affitto. E in ben tre appartamenti sono state rilevate irregolarità. Si tratta di nominativi ora finiti all’Ufficio tributi per l’accertamento fiscale di competenza e per il recupero delle evasioni tributarie.

“Esistono delle precise zone in città in cui gli abbandoni, da un po’ di tempo a questa parte, si verificano in maniera regolare”, spiega l’assessore Guido.

“Come volevasi dimostrare, in queste stesse zone sono residenti cittadini che non sono in regola con il pagamento della Tari. Per questo motivo - conclude - continuo a chiedere la collaborazione di tutti i leccesi affinché, coloro che ancora non lo hanno fatto, si decidano a mettersi in regola con i tributi e a cominciare ad usufruire del servizio porta a porta, e, coloro che sono a posto con le tasse e regolarmente usufruiscono già del servizio, ci aiutino a scovare i furbi incivili”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, ventinove evasori di Tari scoperti tutti in una volta dopo controlli

LeccePrima è in caricamento