Mercoledì, 29 Settembre 2021
Politica

Sgm e mobilità, De Matteis replica: “Società pubblica per migliorare i servizi”

Dopo gli affondi di Baglivo e Poli Bortone, l'assessore risponde: "I proventi della sosta non per la distribuzione di utili ai privati, ma in investimenti"

LECCE – “È evidente e per certi versi comprensibile che la visione di città dell’onorevole Poli Bortone sia diversa, anzi opposta a quella di questa amministrazione, la cui visione e programma sono stati scelti dai leccesi. Un fatto importante che ci vede ogni giorno impegnati ad onorare il nostro programma elettorale”.

Esordisce così, Marco De Matteis, assessore alla Mobilità sostenibile del Comune di Lecce, prima di addentrarsi in una replica alle dichiarazioni rese della consigliera di minoranza, in quota a Fiamma tricolore, Adriana Poli Bortone, dopo l’affondo di ieri, riguardante in particolare la Sgm nel dibattito riguardante il Piano urbano per la mobilità sostenibile. Riservando una seconda replica anche ad Arturo Baglivo, del Movimento 5 stelle, che invece si è soffermato nel suo ragionamento sulla necessità d’implementare il servizio di trasporto pubblico (qui le dichiarazione rese dai due esponenti dell'opposizione a Palazzo Carafa).  

Ieri, la ex sindaca Poli Bortone, oggi tra le più ferme oppositrici della Giunta Salvemini, ha puntato l’indice sulla questione della tariffazione dei parcheggi. “L’attuale società, una volta divenuta interamente comunale, sarà la gallina dalle uova d’oro che porterà al Comune notevoli incassi”, ha chiosato. E sul punto, De Matteis risponde: “Fa specie sentir parlare di Sgm come una presunta ‘gallina dalle uova d’oro’. L’amministrazione Salvemini, al contrario delle precedenti, ha scelto di rendere Sgm totalmente pubblica e dunque interamente di proprietà dei cittadini leccesi, che finalmente potranno vedere impiegati i proventi della sosta non nella distribuzione di utili ai privati, ma in investimenti per migliorare il trasporto pubblico e la mobilità cittadina. Continuando a realizzare le infrastrutture che danno dignità e sicurezza a quanti si muovono a piedi, in bicicletta e in monopattino elettrico”.

Un secondo passaggio riguarda il filobus, realizzato proprio nel corso del secondo mandato di sindaca di Adriana Poli Bortone, la quale ha accusato l'attuale amministrazione di averlo osteggiato in quel periodo, per poi realizzare oggi nuovi lavori che, a suo avviso. danneggiano l'estetica e l'economia cittadina. “Per quanto riguarda il filobus – dice De Matteis -, un investimento costato circa 25 milioni di euro di fondi pubblici, non potendolo smontare come ci chiedevano i leccesi, abbiamo provato a miglioralo e renderlo operativo e utile, includendo le linee nel riordino del trasporto pubblico locale, modificandone direzioni di marcia e frequenze. Abbiamo così trasformato una cocente sconfitta della politica del passato in una risorsa”.

Baglivo, invece, consigliere del M5s, ha manifestato varie perplessità, chiedendosi se sia davvero necessario un aumento delle tariffe e degli stalli a pagamento, invece di puntare sul disco orario, e se piuttosto non sia necessario migliorare il trasporto pubblico, arrivando alla conclusione che esista un “enorme conflitto di interesse della partecipata prorogata, che gestisce trasporto e strisce blu”.

“Riguardo a quanto dichiarato da Baglivo – replica oggi l’assessore -, segnalo che la sosta tariffata, se utilizzata per gli scopi per i quali è stata introdotta da molti anni in tutte le città d’Italia, ha senso: consente di orientare i flussi di traffico per regolare la circolazione e va a finanziare le politiche per la mobilità, la segnaletica stradale, la realizzazione di attraversamenti pedonali luminosi, la realizzazione di parcheggi pubblici, l’implementazione del trasporto pubblico. Se oggi questo avviene solo in parte a Lecce – conclude - è perché non abbiamo ancora una società totalmente pubblica. Occorre dunque portare a termine quanto l’amministrazione ha intrapreso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgm e mobilità, De Matteis replica: “Società pubblica per migliorare i servizi”

LeccePrima è in caricamento