menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio: il coordinamento di Lecce Città Pubblica

Foto di repertorio: il coordinamento di Lecce Città Pubblica

Legge contro la propaganda nazifascista: i moduli per firmare a Lecce

I cittadini potranno recarsi presso l'ufficio elettorale del Comune o presso l'associazione Lecce Città Pubblica. La legge di iniziativa popolare prevede la reclusione da sei mesi a due anni

LECCE – L'associazione Lecce Città Pubblica rilancia un'iniziativa, promossa dal Comune di Stazzema, in provincia di Lucca, contro il nazifascismo. Stazzema, medaglia d’oro al valor militare, è stata teatro di una delle più efferate stragi contro la popolazione civile ad opera dell’esercito nazista.

L'amministrazione del comune toscano ha proposto ai cittadini di sottoscrivere una legge di iniziativa popolare “Norme contro la propaganda e la diffusione di  messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti”.

Anche i salentini potranno partecipare all'iniziativa, recandosi presso l'ufficio elettorale sito in viale Aldo Moro, civico 34, dal lunedì al venerdì: 8.15 - 12.00 e martedì  anche nel pomeriggio dalle 15.15.alle 16.15.

I moduli per la raccolta firme sono disponibili anche presso la sede  dell’associazione Lecce Città Pubblica il venerdì dalle 16.30 alle 20 e  il sabato dalle 9.30 alle 12.

La legge di iniziativa popolare stabilisce la reclusione da sei mesi a due anni per chi effettua propaganda dei “contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, ovvero dei relativi metodi eversivi del sistema democratico, anche attraverso la produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne fa comunque propaganda richiamandone pubblicamente la simbologia o la gestualità”.

La pena è aumentata di un terzo se “il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici” o “con modalità ed atti espressivi dell’odio etnico e razziale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento