Provincia, nuovo corso: la carica degli 86. E le donne sono il sedici per cento

Scaduto il termine per la presentazione delle liste. Tre sostengono Antonio Gabellone, due al fianco di Massimo Manera per il centrosinistra. Costituente popolare non ha espresso un candidato. Il 12 ottobre si vota per il presidente e 16 consiglieri

L'atrio di Palazzo dei Celestini.

LECCE – Tre gli schieramenti, due candidati. Le formazioni centriste, infatti, pur presentando una lista non hanno espresso un proprio aspirante presidente. In corsa per aprire la “nuova era” di Palazzo dei Celestini ci sono Massimo Manera, per il centrosinistra, e Antonio Gabellone per il centrodestra.

Voteranno, il 12 ottobre, sindaci e consiglieri comunali della provincia di Lecce - in tutto sono 1287 gli aventi diritto -, secondo un sistema elettorale basato sul voto ponderato: la preferenza di “un grande elettore” del capoluogo, tanto per intendersi, peserà di più di quella espressa dal rappresentante di un municipio più piccolo. Il consiglio provinciale sarà formato da 16 membri. Le donne in competizione sono solo 14 su 86 candidati: 7 nel centrodestra, 4 per la lista collegata all’Udc ed altri movimenti centristi, 3 per il centrosinistra. Lungi dal farne una questione matematica, è però un dato che fa riflettere anche perché è la sintesi, grosso modo, della composizione delle assise comunali nel Salento dove la politica, evidentemente, resta un affare riservato agli uomini.

Al fianco del presidente uscente tre liste. “Salento futuro per Gabellone presidente” è formata da Accogli Fabio, Accoto Giovanna, Como Pompilio Massimo, Di Mattina Salvatore, Marcello Erroi Giancarlo, Letizia Giandomenico, Maggiulli Xenia, Manca Luigi Francesco, Nisi Livio, Petracca Gabriele, Piccione Cosimo, Rosato Antonio, Stefanelli Guido Nicola, Stefàno Giovanni, Tundo Giovanni, Valentino Mauro Giuseppe.

In lista con Forza Italia ci sono Cataldi Cosimo Carmelo Tiziano, Cimino Francesco, Conte Ezio, Gaetani Pasquale Luigi,Guido Pasquale Giorgio, Luchina Rocco, Lunedì Mariagrazia, Manca Simona Maddalena, Martella Roberto, Masciullo Nicola detto Lillino, Miccoli Cosimo, Palmariggi Laura, Palumbo Biagio, Romano Silvia, Stabile Renato, Villani Giuliano.

Per il Nuovo Centro Destra in campo Baccaro Stefano, Coppola Fernando, De Santis Alessandro, Fersino Francesca, Inguscio Lucio, Mastria Gianfreda Giorgio, Muci Michele, Palese Giuseppe.

A sostegno di Massimo Manera si schierano, per la lista “Salento cambia con Manera presidente”, Signore Sergio, Tempesta Emilio, Maniglio Mimina, Caputo Gabriele Umberto Mario, Tarantini Aldo, Linciano Maria, Gaetani Mauro, Stendardo Valerio, Tondo Giuseppe, Benegiamo Luca, De Riccardis Simone, Gianfreda Pantaleo, Giausa Marino Francesco Giulio, Zollino Oronzo, Pellegrino Cosimo, Di Bari Fabio.

“Salento bene comune per Manera presidente” presenta invece Coppola Antonio Giuseppe, Vantaggiato Graziano, Siciliano Giovanni, Madaro Giovanni,  Scorrano Danilo, Russo Andrea, Alessio Giuseppe, Candito Massimo Pantaleo, Coppola Gianfranco, Sirsi Angelo, Calora Simone, Verri Oronzo Luigi, Stifani Anna Elisa, Caracuta Cesare.

Per la “Costituente Popolare” infine, i candidati consiglieri sono Bartolomeo Luigi, Caiffa Luigi, Dell'Abate Nunzio Antonio, De Pascali Valentina, De Pascali Metruccio Luciano, Frisulli Donato, Guglielmo Annarita, Mazzotta Giuseppe Miggiano Vito Paolo, Montinaro Luigi , Montinaro Vito, Patera Federica, Piccinno Carlo, Romano Massimiliano Carmelo, Tenore Michele, Villani Pasqualina Maria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Curva stabile, quasi 1500 positivi. Casarano e Alessano scuole solo in Ddi

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Paura nella notte: fulmine su palazzina sveglia i residenti, danni a elettrodomestici

Torna su
LeccePrima è in caricamento