Locali pubblici, si lavora per reperire nuovi spazi e mantenere le distanze

Un gruppo di lavoro intersettoriale per valutare le soluzioni possibili date le circostanze straordinarie che impongono ancora regole rigide

LECCE – Una delle misure di sostegno per una ipotesi di rilancio delle attività di pub, ristoranti, bar e attività del food in genere passa dall’ampliamento – a parità di tariffe – della superficie pubblica che può essere oggetto di occupazione. Di preparare le linee guida si sta occupando in primo luogo l’assessora alle Politiche Urbanistiche, Rita Miglietta.

“Come annunciato dal sindaco – ha dichiarato l’esponente della giunta -, intendiamo porre in essere ogni iniziativa che possa sostenere, coerentemente alle disposizioni del governo e della Regione, la ripresa di bar, ristoranti, piccoli esercizi legati al consumo del food, che vivono nello spazio pubblico, specie durante la stagione estiva. Per farlo, dobbiamo agire muovendoci con provvedimenti dal carattere straordinario e temporaneo, facendo ogni sforzo possibile per adattare le politiche pubbliche a improvvise mutate condizioni di lavoro, tutelando residenti e operatori economici; in quest'ottica porteremo in consiglio comunale una delibera per la sospensione del regolamento sui dehors, e l'individuazione, nelle more di eventuali linee guida del governo e della Regione, di criteri che consentano condizioni straordinarie di occupazioni di suolo pubblico”.

Il nocciolo della questione è soprattutto di ordine pratico: molte delle vie della movida sono infatti nel centro storico, dunque gli spazi disponibili per eventuali ampliamenti non sono molti: “Garantire il distanziamento sociale non è sempre semplice, specie viste le peculiarità di Lecce che ha un'alta densità di locali, ad esempio nel centro storico, ma possiamo farlo facendo squadra, tra i gestori delle attività, tra le istituzioni coinvolte, e avendo chiaro l'assunto che bisognerà garantire distanziamento fisico e condizioni di sicurezza sanitaria, perché l'emergenza continua. Insieme agli assessorati alle Attività produttive, Mobilità, Polizia municipale, Tributi e Ambiente, costituiremo un gruppo di lavoro per incrementare le superfici massime di occupazione oggi consentite. Per garantire soluzioni operative agili e attuabili si può lavorare sugli stalli della sosta, sugli spazi pubblici, nelle piazzette, sulla riorganizzazione di orari e aperture differenziate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

  • Scavalca tre muri dopo il furto: fuga spericolata, ma braccato e arrestato

  • Rapine con auto rubate durante il lockdown: fermata la banda

Torna su
LeccePrima è in caricamento