Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Loredana Capone: "Lodo Leadri, gestione disattenta e maldestra"

Per l'assessore regionale la vicenda mosta “uno spreco dopo l’altro che pesa come un macigno sulle tasche dei cittadini leccesi e che solo una gestione più oculata della vicenda, con la completa definizione del contenzioso pendente, avrebbe potuto evitare"

LECCE – “Il Lodo Leadri non può essere una storia infinita sempre aperta”. A parlare, a margine del Consiglio, è Loredana Capone, assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia. “Crediamo che il Comune, avendo ottenuto il contributo regionale, avrebbe potuto e dovuto chiudere il contenzioso con l’azienda. Invece sul lodo Leadri, per cui oggi il Consiglio doveva decidere il riconoscimento del debito fuori bilancio, pende ancora un ricorso in cassazione (3455/2012) con richiesta di ulteriori interessi da parte dell'azienda. In tal modo la vertenza non si chiuderà mai”.

“Sinora la Regione, com'è noto – prosegue -, ha inteso sostenere lo sforzo del Comune nel chiudere la vicenda relativa alla tangenziale est, rimpinguando le casse comunali con 9 milioni di euro ma se continuano a sussistere oneri residui e il Comune di Lecce non chiude le vertenze, tutti gli sforzi fatti dalla Regione non produrranno il risultato sperato. E l’azienda continuerà a chiedere interessi”.

“Insomma, uno spreco dopo l’altro che pesa come un macigno sulle tasche dei cittadini leccesi e che solo una gestione più oculata della vicenda - con la completa definizione del contenzioso pendente - avrebbe potuto evitare. Per questa ragione i consiglieri dell’opposizione oggi non hanno partecipato al voto per il riconoscimento del debito fuori bilancio. Con buona pace per il sindaco Paolo Perrone – conclude -, il quale invece di recriminare dovrebbe interrogarsi anche sulle numerose, autorevoli assenze registrate tra i banchi della sua maggioranza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Loredana Capone: "Lodo Leadri, gestione disattenta e maldestra"

LeccePrima è in caricamento