Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Lupiae Servizi, serve una nuova delibera. Non si può ricapitalizzare oltre il minimo

Il 29 aprile la maggioranza aveva approvato la ricostituzione del capitale sociale della partecipata per 664mila euro. Ma il notaio incaricato ha confermato i dubbi della minoranza: si possono versare non più di 120mila euro. Domani nuovo Consiglio

LECCE – Si parlerà ancora di Lupiae Servizi nel consiglio comunale in programma domani. L’assise cittadina è stata convocata d’urgenza per correggere il tiro di una delibera approvata dalla maggioranza nella seduta del 29 aprile scorso. In quella sede infatti è stato dato il via libera ad una ricapitalizzazione per 664mila euro della società interamente partecipata dal Comune di Lecce.

Ma è stato lo stesso notaio incaricato della redazione dell’atto a chiedere all’amministrazione di tornare sui propri passi perché la ricapitalizzazione non può essere fatta al di sopra del minimo legale (entro 120mila euro) essendo finalizzata alla garanzia dei creditori e non ad altro.

Il contrattempo era stato previsto da Carlo Salvemini, capogruppo di Lecce Bene Comune, che proprio in quel consiglio comunale aveva richiamato il senso del decreto legge numero 78 del 2010 e i successivi pronunciamenti della magistratura contabile. La minoranza ha quindi votato contro la delibera ritenendola illegittima.

Nell’assise di domani, all’ordine del giorno anche la legge regionale numero 10 del 2104 per quanto concerne l’articolo 20, requisiti per la sanatoria delle occupazioni abusive degli alloggi di edilizia popolare e l’articolo 33 sulla la costituzione del fondo sociale per le morosità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lupiae Servizi, serve una nuova delibera. Non si può ricapitalizzare oltre il minimo

LeccePrima è in caricamento