Lupiae Servizi, è di nuovo sciopero. I dipendenti rivendicano i salari arretrati

Braccia incrociate il 6 e 7 dicembre. I sindacati chiedono alle istituzioni di assumersi le proprie responsabilità: "Natale senza un soldo in tasca, vissuto con l'incubo del futuro"

Foto di repertorio: i lavoratori Lupiae protestano sotto Palazzo Carafa

LECCE – All’appello mancano due mensilità: quella di ottobre e ormai pure quella di novembre. Ma la luce in fondo al tunnel della vertenza Lupiae Servizi ancora non si intravede.

Così 470 famiglie del territorio, che già non riescono a tirare avanti (basti pensare che i lavoratori lamentano di non avere neppure i soldi per rifornirsi di benzina) temono di dover trascorrere il Natale senza un soldo in tasca. E con l’incubo del futuro occupazionale.

I nodi da sciogliere sono numerosi e intrecciano decisioni di politica cittadina con intoppi burocratici legati alla presentazione, da parte della presidente della società Tatiana Turi, del concordato preventivo in bianco.

L’urgenza, però, è tutta negli stipendi. Quelli i dipendenti reclamano con fermezza, al punto da aver dichiarato due intere giornate di sciopero: il 6 e il 7 dicembre.

La decisione è arrivata al termine dell’ennesima assemblea tenuta con i sindacati che continuano a muoversi in forma unitaria per ottenere risposte e certezze sulle date dei pagamenti.

Carlo Salvemini, lo ricordiamo, si era fatto garante delle mensilità arretrate ma lo stesso sindaco, pochi giorni addietro, si è visto costretto a mettere le mani avanti.

“La retribuzione è legata a doppio filo alla presentazione in tribunale del concordato, condizione necessaria alla banca per sbloccare i flussi di denaro”, ha precisato durante l’ultimo sit-in tenuto dai dipendenti proprio sotto i portoni di Palazzo Carafa.

Le parti sociali intanto richiamano le istituzioni alle proprie responsabilità, esortandole a trasformare l’impegno politico, assunto durante l’ultimo Consiglio comunale, in un atto amministrativo e formale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Evidentemente neanche l’approssimarsi delle festività natalizie riesce a sensibilizzare chi dovrebbe, ciascuno per il proprio ruolo, assumersi le dovute responsabilità, attraverso atti concreti che rendano in tempi rapidi quanto già maturato e prospettive di futuro - si legge in una nota sindacale -. Di fronte al permanere della tragica situazione di assenza di salari ed alla totale assenza di risposte, le organizzazioni sindacali ed i lavoratori hanno scelto di proclamare due giorni di sciopero con conseguente astensione totale da ogni servizio, in prosecuzione della giornata di sciopero dello scorso 26 novembre”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio nella casa di riposo e il dato dei contagi in Puglia s'impenna

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Duplice delitto, l’istinto omicida anche in ospedale e la nuova perizia sui bigliettini dell’orrore

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Il lusso targato Renè de Picciotto: dal lido di Savelletri alla terrazza pensile di Lecce

  • Covid-19, balzo al 6,5 per cento dei nuovi infetti: sono 350 in Puglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento