Lunedì, 20 Settembre 2021
Politica Minervino di Lecce

Mancano i consiglieri e salta discussione sulla Pet-Tc

Ieri sera, a Minervino di Lecce, nonostante l'attesa per i temi da discutere, è mancato il numero legale e l'assemblea è stata rimandata in seconda convocazione. Opposizione: "Non facciamo da sponda"

PET-TC-12

MINERVINO DI LECCE - La Pet-Tc Calabrese e il progetto di rigenerazione urbana: erano questi i due temi centrali dell'assise consiliare di ieri sera a Minervino di Lecce (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=28438 ). O almeno dovevano esserlo, visto che il consiglio comunale non si è tenuto, a causa dell'assenza del numero legale. Nella sala, infatti, si sono presentati solo 7 membri della maggioranza comunale e nessuno dell'opposizione, che, prendendo atto dei "ranghi ridotti" del gruppo del sindaco Caroppo, ha preferito non presentarsi.

"Quando abbiamo saputo che mancavano cinque rappresentanti della maggioranza - spiega il capogruppo di opposizione, Fausto De Giuseppe -, abbiamo ritenuto di non dover fare da sponda all'amministrazione, come successo in passato, e siamo rimasti fuori dalla casa comunale. I temi sono importanti, per cui non sappiamo spiegarci questa assenza. Faremo le nostre valutazioni nella seconda convocazione di questa sera".

Nonostante, dunque, l'attenzione mediatica sul consiglio comunale che doveva svolgersi ieri, appare "strano" questo risvolto interno alla maggioranza. Ma il messaggio dell'opposizione resta chiaro: "Non siamo disposti a sopperire alle difficoltà dell'amministrazione".

Replica caustica ed in coro della maggioranza: "Sponda? A chi?"
"Fare sponda? A chi? Discutere per un diritto come quello alla salute e per avere un servizio, quello della Pet, è fare sponda ad una amministrazione? di destra o di sinistra, bianca o nera che sia? Ma per favore": liquida così il sindaco Ettore Caroppo la scelta della minoranza di Minervino di non "fare da sponda" ai numeri mancanti della maggioranza nel consiglio di ieri sera.

Giuseppe Foscarini, dal canto suo, accusa la minoranza di essersi affrettata a comunicare "notizie diverse dalla realtà", omettendo di indicare il numero esatto dei consiglieri presenti, che sarebbe di 8 e non 7, anche se specifica che questo, nella sostanza "cambia poco"; ma non sarebbero reali le ipotesi di crisi interne alla maggioranza, che si vorrebbe evidenziare per un consigli saltato: "La Pet, non è e non doveva essere, un argomento da strumentalizzare politicamente, semmai, poteva essere strumentalizzato in maniera completamente opposta; la Minoranza ha solo saputo mancare di educazione e di rispetto nei confronti di chi era venuto per partecipare al consiglio non per assistere alla discussione di un progetto di una strada ma ad un argomento che potrebbe toccare tutti noi. Io al loro posto avrei partecipato ai lavori del Consiglio e avrei dato il mio serio contributo e in quel caso la Maggioranza non avrebbe potuto che riconoscere la serietà del vostro ruolo".

Domenico Carrapa parla di "ennesima occasione persa" dalla minoranza, "per dimostrare che è in grado di sedere in consiglio comunale e tutelare gli interessi dei cittadini": "Il solo loro scopo - dichiara - è cercare di arrivare al potere, tanta è l'avidità che li contraddistingue da non discernere ciò che è realmente utile e che a prescindere dal ruolo che si ha in consiglio necessita di valutazione per il bene comune".

Anche Fredy Cursano ritiene che questo non fosse l'argomento giusto "per mettere in campo strategie varie": "Se la minoranza - puntualizza - ritiene che si tratta di crisi conclamata della Maggioranza e che il sindaco Caroppo è al capolinea, ci sarebbero state altre occasioni, come ad esempio l'approvazione del consuntivo 2010 che nei prossimi giorni porteremo in consiglio, sono quelle le occasioni in cui la minoranza deve dimostrare le sue capacità e mettere in crisi la maggioranza, e non aspettare che all'ordine del giorno ci siano argomenti che con la politica locale nulla hanno a che fare ed una serie fortuite di circostanze e coincidenze per mettere lo sgambetto".


"Tutto questo - conclude - comunque non esclude da responsabilità e da considerazioni simili a quelle sopra riportate quei consiglieri che eventualmente pur non essendo impegnati non erano presenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancano i consiglieri e salta discussione sulla Pet-Tc

LeccePrima è in caricamento