rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Politica

Marti, Pagliaro, Mellone: "Nostra lista è la nuova frontiera della politica"

Nel centrodestra, il senatore della Lega, il consigliere regionale fondatore del Movimento Regione Salento e il sindaco di Nardò si dicono molto soddisfatti. Dall'altra parte dichiarazioni di Delli Noci, tra i principali artefici del risultato finale

LECCE - In attesa della proclamazione dei sedici eletti in consiglio provinciale, prevista per giovedì alle 13, si registrano le dichiarazioni sui risultati dello scrutinio che ha visto la partecipazione di 1.238 elettori (sindaci e consiglieri dei comuni salentini) su 1.285, pari al 96,34 percento degli aventi diritto. 

La prima è dell'assessore regionale allo Svilppo Economico, Alessandro Delli Noci, uno degli artefici del successo della lista "Insieme per il Salento" (7 seggi): "Un risultato straordinario che posiziona il civismo come forza politica indiscutibile nella provincia di Lecce, così come è già accaduto nelle scorse elezioni regionali. Un risultato che ci dice quanto sia forte l’esigenza degli amministratori locali di creare una rete civica, di farne parte convintamente e di costruire un percorso politico che metta al centro le battaglie di valorizzazione, tutela e sviluppo dei territori. In questi ultimi anni, abbiamo costruito una forza politica civica capace di sommare le aspettative collettive di coloro che ci hanno dato fiducia. Adesso più che mai, la Provincia di Lecce deve ritornare ad essere un ente di programmazione e supporto ai comuni e occuparsi di pianificazione strategica e piani di sviluppo anche attraverso il supporto costante e la collaborazione della Regione Puglia. Da parte mia, sono molto soddisfatto del risultato della lista civica Insieme per il Salento, perché conferma la volontà e la capacità di coinvolgere, aggregare e rappresentare i territori e le loro istanze".

Il senatore Roberto Marti, il consigliere regionale Paolo Pagliaro e il sindaco di Nardò, Pippi Mellone, hanno diffuso una nota congiunta commentando con soddisfazione l'esito per "Civica Salento" (3 seggi): "Siamo veramente soddisfatti per il risultato ottenuto nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale. Il nostro successo è rappresentato dall’elezione di tre consiglieri che sono Ettore Tollemeto, Brizio Maggiore e Giovanni Casarano, ai quali auguriamo buon lavoro. Per la nostra lista, Civica Salento, è una grande vittoria e rappresenta il fulgido esempio della nuova frontiera della politica. Ancora una volta è stata premiata la politica che interagisce con i territori, sui temi, con le persone, è stato premiato il civismo nel vero senso del termine. La nostra unione è nata davanti ad un progetto lungimirante che ha avuto come collante la stessa visione di tutela, difesa, e promozione del Salento. Nell’area di centrodestra, volendo analizzare il risultato, il civismo si dimostra la vera forza aggregante per guardare al futuro con ottimismo. A margine di un grande lavoro svolto e di un impegno encomiabile vogliamo ringraziare tutti gli amministratori, sindaci e consiglieri comunali che hanno sposato questo progetto con la fiducia necessaria per poter continuare il capillare lavoro sui territori.

Anche i coordinamenti provinciale di Lecce e regionale di Fratelli d'Italia esprimono soddisfazione per il risultato registrato. Due gli eletti, Renato Sabile e Franco de Vitis, conseguendo una percentuale di oltre il 16 per cento (voto ponderato) e di oltre il 17 per cento (considerato il numero dei votanti, 220 amministratori locali hanno scelto la lista del partito di Giorgia Meloni). "Il dato è particolarmente significativo se si considera che quella di FdI è stata l'unica lista di partito in corsa, mentre le altre si sono presentate in coalizioni talvolta anche molto composite", commentano Erio Congedo, coordinatore provinciale, e Marcello Gemmato, coordinatore regionale. "Un dato sotto le aspettative - aggiungono -, invece, lo registriamo per il centrodestra nel suo complesso: evidentemente, come già successo in passato, l’elettorato di centrodestra anche in elezione di secondo livello, come sono le provinciali, non premia le divisioni. Siamo convinti che una coalizione compatta avrebbe potuto conseguire ben altri risultati e, quindi, l’auspicio è che quanto accaduto in questa tornata elettorale sia solo un incidente di percorso".

Infine le considerazioni del coordinatore provinciale di Forza Italia, Paride Mazzotta. Non sono stati eletti consiglieri del suo partito, ma resta la rivendicazione del percorso scelto: “Andiamo a testa alta, dopo una competizione in cui abbiamo conquistato circa 4.500 voti (ponderati, ndr): numeri importanti, considerando che abbiamo gareggiato da soli e tanto basta per spronarci a ripartire da qui. Forza Italia non ha conquistato seggi a queste elezioni provinciali, ma abbiamo una base solida di amministratori che ci sostiene con lealtà. Ed è da loro, da questi legami scevri da condizionamenti ed interessi, che dobbiamo ricominciare ed è con loro che dobbiamo ricostruire. Ringrazio i nostri candidati, che tanto si sono spesi, e tutti coloro che ci hanno creduto e ci hanno dato una mano. Sapevamo che non sarebbe stato facile, ma abbiamo deciso ugualmente di “contarci” e di correre con fiducia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marti, Pagliaro, Mellone: "Nostra lista è la nuova frontiera della politica"

LeccePrima è in caricamento