Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Università islamica, Giorgia Meloni: “Fondi esteri tracciati e lezioni in italiano”

La leader di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale interviene nel dibattito in corso sulla possibile apertura di un centro accademico legato all'Islam nell'area dell'ex manifattura dei tabacchi: "Meglio utilizzare quel luogo per i giovani salentini"

Giorgia Meloni a Lecce per le elezioni europee della scorsa priimavera.

LECCE – Il presidente di Fratelli d’Italia - Alleanza Nazionale, Giorgia Meloni, interviene sull’ipotesi di apertura di un’università islamica dopo la riqualificazione dell’area dell’ex manifattura dei tabacchi in via Birago.  L’operazione, tutta a carico di privati, sarebbe possibile grazie a fondi privati provenienti dal mondo arabo, rappresentati in Italia dalla Confederazione delle imprese del Mediterraneo, il cui presidente, Giampiero Khaled Paladini, è originario di Lecce.

“Vogliamo chiarezza sul progetto dell'università islamica di Lecce, oggi all’attenzione dell’opinione pubblica grazie alla denuncia di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale di Lecce. Al momento non si conoscono né i finanziatori, né i principi educativi né le finalità di questo presunto ateneo. Anzi, le voci sono inquietanti: si parla di fondi caritatevoli del Qatar che, come noto, è la nazione da cui provengono i principali finanziamenti all'Isis e al fondamentalismo islamico in genere. Si parla anche di insegnamento della Shariia. Con la minaccia del fondamentalismo alle porte, è sempre più urgente che lo Stato normi la presenza di luoghi di culto e di cultura islamica sul nostro territorio”.

“I flussi finanziari devono essere tracciati e non ci devono essere contiguità con ambienti fondamentalisti, i sermoni o le lezioni devono essere svolti in italiano, devono essere noti alle autorità il ruolo e la qualifica di chi tiene prediche o lezioni. Non ci possiamo più permettere un Islam fai da te, fatto di imam improvvisati e autonominati che a volte predicano l'odio, di finanziamenti non trasparenti e di legami inconfessabili con gli ambienti più oltranzisti. Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale, in ogni caso, ritiene che quel luogo possa essere utilizzato a vantaggio dei giovani salentini, sia rafforzando l'Università del Salento sia realizzando luoghi di aggregazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università islamica, Giorgia Meloni: “Fondi esteri tracciati e lezioni in italiano”

LeccePrima è in caricamento